Simona Viceconte si è tolta la vita: suicida come un anno fa la sorella Maura, campionessa di atletica

Si è uccisa impiccandosi come aveva fatto un anno fa la sorella maggiore Maura, campionessa della maratona. Ieri, poco dopo le 15 a Teramo, nel quartiere di Colleatterato, Simona Viceconte, 45 anni, madre di due bambini, di origini piemontesi, si è tolta la vita usando un foulard legato alla ringhiera delle scale, lasciando aperti molti interrogativi dato che non è stata trovata alcuna lettera d’addio. Il 19 febbraio del 2019 la sorella Maura aveva fatto lo stessa cosa impiccandosi all’albero del giardino di casa a Chiusa di San Michele, in provincia di Torino: aveva 51 anni e aveva superato una lunga battaglia contro il tumore al seno.

sorelle-morte

Aveva un figlio e nella sua carriera, negli anni 90, era stata campionessa italiana di maratona conquistando anche la medaglia di bronzo agli Europei di Budapest. Suo anche il primato nei 10mila metri. L’azzurra aveva partecipato ai giochi olimpici di Sydney nel 2000 ritirandosi quattri anni dopo. Sosteneva l’associazione “Salute-Donna” di Torino ed era stata protagonista di un documentario sulla sua vita: “La vita è una maratona, la corsa il modo di vivere”, di Luigi Cantore.

Un gesto estremo che ha gettato nel più profondo sconforto il quartiere alla periferia di Teramo, dove Simona Viceconte si era trasferita dalla Valsusa al seguito del marito. Le indagini sono affidate ai carabinieri.

Simona Viceconte si è tolta la vita: suicida come un anno fa la sorella Maura, campionessa di atleticaultima modifica: 2020-02-14T19:25:24+01:00da manuela_man27

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.