Alina, 43 anni, morta in casa: le dovevano notificare un atto sulle violenze dell’ex compagno

TRIESTE – Le dovevano notificare un atto giudiziario relativo alle minacce e alle violenze che avrebbe subito dall’ex compagno. Ma siccome non apriva la polizia giudiziaria ha chiamato i vigili del fuoco per forzare la porta: in casa c’era il cadavere della donna, Alina Trush, 43 anni circa e originaria dell’Est.

6357595_01225738_alina_trush_morta_violenze_compagno_trieste_cosa_e_successo

Il corpo della dona era in terra. Indagini sono in corso da parte della polizai e ogni ipotesi al momento resta aperta, compresi l’omicidio e o il decesso per overdose. A quanto si apprende la morte risalirebbe a ieri e non ci sarebbero evidenti segni di violenza sul corpo. In corso l’ispezione cadaverica da parte del medico legale. Da quanto si è appreso di recente ci sarebbero stati alcuni litigi all’interno dell’appartamento, presumibilmente tra la vittima e un uomo. Secondo quanto riferiscono alcuni vicini di casa, l’uomo sarebbe stato causa di confusione all’interno del condominio e avrebbe anche minacciato gli inquilini. Nell’appartamento non sarebbero state trovate tracce ematiche evidenti.

Alina, 43 anni, morta in casa: le dovevano notificare un atto sulle violenze dell’ex compagnoultima modifica: 2021-12-02T09:48:00+01:00da manuela_man27

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.