2012_01_05_No_27-Foto+3

Risultati immagini per Miquel Barceló

Argilla ermafrodita. Lui è un “NOMMO” è il maestro che insegna e genera dall’argilla famiglie di ceramiche contemporanee, come un AMMA che plasma la prima coppia  nell’argilla per i Dagon del Mali e li genera gemelli, l’uno maschio e femmina.

Pittore espressionista spagnolo e Artista istintuale e Arti plastiche è influenzato dall’action painting, l’arte concettuale e art brut. E’ il primo  artista contemporaneo vivente ad esporre al Louvre (2004).  Ermafrodita è la sua argilla d’impellenza artistica e contaminazione. Prende forma con eruzioni, rotture, colpi e fioriture come se l’arte vi sgorgasse da dentro. Non c’è il bello della ceramica come composto accessorio ma la ribellione del segno che si fa scultura. Che si fa opera e quadro ma non statua. Nessuna fissità. Le forme prendono ogni curva emotiva espressa e voluta da un artista che incanta, con un genio che non distingue il “genere”. Si fa mossa di vigore. Invade. Sbuca. Riflette

Miquel Barceló, ‘Dos Esquals’, 2015 Miquel Barceló Cathedral of Palma de Mallorca - Inside - Miquel Barceló - Ceramic sculptures.

  Miquel Barcelo 
"In Italia nel 2009 nel Padiglione Spagnolo della Biennale di Venezia a un ventennio da quell’'evento l’'artista Miquel Barceló torna in Italia con una mostra antologica sulla propria produzione ceramica e lo fa scegliendo il MIC di Faenza: in dialogo con le opere della storia della ceramica esposte nel più grande museo al mondo, dedicato a questo linguaggio".
Dal 1 giugno al 6 ottobre il Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza gli dedica una grande personale, a cura di Irene Biolchini e Cécile Pocheau Lesteven: la prima vera antologica in Italia dedicata alla sua produzione ceramica, dagli esordi ai giorni nostri.
Lo speciale progetto realizzato  per il MIC di Faenza prevede un'’installazione in dialogo con la sezione dedicata alle ceramiche faentine. All'’interno della sala Miquel posizionerà le sue ceramiche, dai primi lavori in argilla della fine degli anni Novanta ai giorni nostri. Selezionerà per affinità alcuni pezzi chiave della collezione ed interverrà all’interno delle vetrine in maniera mimetica, pittorico gestuale, in un racconto autobiografico in cui l’'elemento privato si mischia alla storia.

 SITSIT_8PAG8

MIC e Miquel Barceló L’argilla duttile sempre più contemporaneaultima modifica: 2019-05-24T18:19:51+02:00da Dizzly