Le critical Reviews di Barbara Augenti (Laureata in filosofia ad indirizzo estetico) sono direttamente riportate nelle pagine di  CRITICAL REVIEWS di Opera Domus.

In un recentissimo carteggio con l’amica Daniela (Zannetti), curatrice di Opera Domus,  ho spiegato il motivo per cui non mi ero ancora espressa maggiormente sulle opere delle sale. Ed all’inizio, in effetti, avrei voluto soffermarmi su alcuni lavori in particolare; ma poi ho cambiato idea perché ho pensato che non sarebbe stato sufficiente, in quanto insufficiente era la mia conoscenza di alcuni degli artisti. Lo stile ed il modo in cui procede Daniela l’ho accostato mille volte e conoscendola come persona, anzi come danzante anima desnuda ormai appartenente alle sale sempiterne di questa mostra anche come artista, posso ammettere di riuscire a vedere quello che crea; diversamente altre creazioni a disposizione in questo ben più che virtuale spazio appartengono ad artisti che, di fatto, non conosco se non attraverso alcune informazioni parziali e probabilmente anche fuorvianti; solo per questi motivi ho pensato di astenermi, preferendo non rischiare di esprimermi con giudizi impropri, rischiando di vedere solo me stessa nelle loro opere. Non, quindi, un “me + loro” ma solo un “me” e, di conseguenza, una sorta di furto indiretto della loro identità. Così avevo preferito estrapolare da ogni sala un concetto evidente ed un filo conduttore che li trattenesse perché, in definitiva, semplicemente non avrei voluto dichiarare impressioni esclusivamente epidermiche. Una cosa è dare un giudizio di gusto personale, altra cosa è una facoltà critica di giudizio.

Ma la nostra generosa amica mi ha detto di sentirmi libera di lasciar danzare i miei impulsi sinestetici…Ed allora ho ripreso il cammino nelle sale, proprio per cercare di conoscere meglio, attraverso le indicazioni multidimensionali delle sensazioni  quello che ho, innanzitutto, notato emotivamente, ed ho guardato e cercato di vedere nello specifico le opere di quattro artisti.

Tre dei sette genius loci di Opera Domus, ossia artisti presenti già da tempo nella Casa collezione, amici d’Arte di Carlo Marchetti e lo stesso artista autore del progetto che gli ha voluto appunto dedicare una sala, permettendogli di “ospitare” un alter ego, un artista in transito.

Grand Tour di Francesco Cervelli, Allestimento Libro Modelli 2020 di Daniela Zannetti, Scultura triangolare di Carlo Marchetti e Roma Otherwise di Paolo Romani.

Rispettivamente Francesco Cervelli nella sua  Sala 6 e il  percorso a seguire con GRAND TOUR – Daniela Zannetti nella Sala 3 Carlo Marchetti Cronaca di un progetto d’arte virtualizzata e Scultura Triangolare Gekospecchio. Paolo Romani nella sua Sala7 e percorso a seguire con Rome Otherwise.

Barbara Augenti

Critical review: Impulsi sinestetici liberi GRAND TOUR

Critical review: Impulsi sinestetici liberi ALLESTIMENTO LIBRO MODELLI

Critical review: Impulsi sinestetici liberi SCULTURA TRIANGOLARE

Critical review: Impulsi sinestetici liberi ROME OTHERWISE

CRITICAL REVIEWS

Dove leggere anche 

REVIEW
ELIO RUMMA
Il mistero femminile torna alla Donna 17 MARZO 2020

*

REVIEW BARBARA AUGENTI

La magia desnuda di internet  20 APRILE 2020

*

Un saluto al Casale Opera Domus chiude

“Un progetto innovativo” Alessandra Provenzani

*

 

 

 

Impulsi sinestetici liberiultima modifica: 2020-05-02T10:09:24+02:00da Dizzly