Al via anche la Ligue 1

In concomitanza con la Premier League, prende il via anche la Ligue 1. Parte stravincendo il Psg contro il Nimes, ma anche il Monaco riparte da dove aveva terminato. La squadra monegasca perde 3-0 contro il Lione. Male Bordeaux e Marsiglia: i girondini perdono 3-1 contro l’Angers mentre l’Olympique perde 2-0 al Velodrome contro lo Stade Reimns, squadra dall’antico blasone. Bene S.Etienne, Nizza, Lilla e Rennes. Pari all’unisono per le formazioni neopromosse: il Brest contro il Tolosa e il Metz contro lo Strasburgo.

Torna la Premier League

Con la sorprendente vittoria del Manchester UTD contro il Chelsea (4-0) si chiude la prima giornata di Premier League. Bene anche le altre big. Il Liverpool batte il neopromosso Norwich, il City rifila una cinquina agli Hammers (al secolo West Ham), il Tottenham ne fa tre ai neopromossi Villans e l’Arsenal supera di misura il Newcastle. L’unica neopromossa che fa punti è lo Sheffield che pareggia con il Bournemouth. Netta affermazione del Burnley (contro il Southampton) e sorprende il 3-1 del Brighton contro il Watford. Pareggi a reti bianche fra Crystal Palace-Everton e Leicester-Wolverhampton.

Fasce girevoli in casa Juve

Devo essere sincero, quest’anno ho seguito meno il calcio mercato, anche perchè legato a vari tormentoni che “frantumano” il tutto. Ma mi ha colpito molto la gestione fasce in casa Juve: a destra l’affidabile De Sciglio e la freccia Cancelo, a sinistra Alex Sandro e Spinazzola in rampa di lancio. Quasi due mesi dopo tutto è cambiato: il primo a partire è stato Spinazzola direzione Roma in cambio Pellegrini (più che onesto terzino sinistro) ed il secondo che lascia la Continassa è Cancelo in cambio di Danilo e 30 milioni. Due operazioni strane: Pellegrini sembra destinato a partire costringendo Paratici a cercare un’universale (che può essere Darmian) mentre Danilo è ovvio che rimanga.
Se non vi annoio troppo vorrei poter entrare nel merito della cessione di Cancelo: ok, forse non saprà difendere (magari aveva solo bisogno di tempo) ma inserito dalla metà campo in sù a mio modesto parere è devastante. Se ripenso al Napoli Sarriano, immaginavo per Cancelo un ruolo simil-Callejon, ovvero alto a destra nel 4-3-3, evidentemente sarri non la pensa come me. Io sono lontano dall’essere un tecnico, vedremo chi fra me e Sarri avrà ragione.

Non sono sentimentale

Tutti hanno detto la propria opinione sul ritorno di Milan Badelj a Firenze, forse manco solo io e sarà una voce fuori dal coro. Lo ammetto, mi aspettavo altro (è anche vero che di Pjanic, Pirlo, Pek non ne nascono tutti i giorni) ma se la dirigenza ha scelto Milan, spero che l’abbia fatto per il valore sportivo e non per il valore emotivo. Per questo dico che non sono sentimentale, spero che Milan dia sicurezze in un reparto dove lo scorso anno sicurezze non ce n’era. Semmai fa discutere il trascorso sportivo di Badelj: lasciato partire lo scorso anno con cartellino in mano viene ripreso l’anno dopo ad un milione d’euro di prestito (così si dice) + 4 milioni di riscatto. Il Totale farebbe 5 quando la Fiorentina stessa lo prese dall’Amburgo per 4 milioni nel lontano 2014-2015.
Detto questo, buona fortuna Milan.