Uccisa dalla grata a Roma, il dolore del figlio malato: “Quando torna mamma?”

«Dov’è mamma?». Luigi lo chiede con gesti e suoni che solo il papà può comprendere. «Mamma adesso torna», e Mario gli accarezza i capelli corti con gli occhi rossi. Ma le lacrime sono lì, per nasconderle spinge la carrozzina e si allontana dall’ingresso del palazzo dove Tiziana lavorava come portiera. «Dov’è mamma?», Luigi – non è questo il suo nome – si porta il pugno alla guancia, di nuovo. «Stai tranquillo, mamma torna. È andata a prendere i soldi.

Lo vedi che siamo rimasti con pochi spiccioli?», e tira fuori dalla tasca qualche centesimo per far sorridere il figlio. Tiziana non tornerà, e adesso come dirlo a quel bambino di 11 anni che non cammina e parla appena, si disperano le amiche, come fargli accettare che la notte lei non ci sarà più a stringerlo tra le braccia per farlo addormentare.1906538_tiziana

E come raccontargli quella fine incredibile, la mamma precipitata in un buco, un volo di dieci era stato inutile gridarlo in metri nel buio in parcheggio abbandonato da anni, a largo San Giuseppe Artigiano. La vergogna del quartiere, edtutti i modi che in quella voragine ci sarebbe finito qualcuno. «Era lì con altre persone. Doveva esserci una grata e non c’era, lei è caduta. Una cosa assurda, non posso crederci. E adesso sono rimasto solo con lui», il compagno di Tiziana Laudani abbassa gli occhi. Luigi a pochi metri non ascolta, sta giocando con una bambina che spinge la sua carrozzina.

Uccisa dalla grata a Roma, il dolore del figlio malato: “Quando torna mamma?”ultima modifica: 2016-08-11T14:07:55+02:00da ellenaellena73
Share via emailSubmit to redditShare on Tumblr

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.