Pubblica le foto choc della figlia in ospedale, il motivo commuove il web

Allie Drivas right before transplant 2015 (Collect/PA Real Life)

Un pancino gonfio e un broncio adorabile. Questo è lo scatto che Ryan Driva ha deciso di pubblicare e condividere e che vede come protagonista la sua bambina. La piccola Allie aveva un grave problema al fegato, risolvibile solo grazie a un trapianto.  Fortunatamente il papà ha potuto donare il fegato alla bambina e la piccola ora è fuori pericolo. Ma dopo la paura e il dolore provato l’uomo ha deciso di pubblicare questo scatto con uno scopo ben preciso: quello di sensibilizzare tutti sulla donazione degli organi. La bambina, di soli 18 mesi, ha rischiato di morire dopo aver sofferto di atresia delle vie biliari, una condizione nella quale i dotti biliari vengono bloccati e il fegato non riesce più a funzionare.

«Inizialmente i medici pensavano che Allie soffrisse di ittero, perché era nato con gli occhi e la pelle gialla. Ma poi ci siamo accorti che era qualcosa di molto più grave», ha raccontato Ryan al Sun, «Se toccavi il suo stomaco, potevi sentire il suo fegato. Era durissimo, quando invece sarebbe dovuto essere molto morbido. I medici a quel punto ci hanno detto che avrebbe dovuto sottoporsi ad un trapianto di fegato entro due mesi. In caso contrario, sarebbe morta».  Ryan ha così scoperto di poter donare il fegato alla sua piccola e dopo 2 giorni dall’intervento è corso da lei per vedere come stava. Allie era sorridente, senza più gli occhi gialli e con la pancina sgonfia: «Quando ho visto che stava sorridendo, mi sentivo veramente bene, ha recuperato alla grande».

Pubblica le foto choc della figlia in ospedale, il motivo commuove il webultima modifica: 2016-09-01T20:56:19+02:00da ellenaellena73
Share via emailSubmit to redditShare on Tumblr

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.