“Vinco le Paralimpiadi, poi mi uccido: è il mio ultimo desiderio”. L’atleta choc

948602143_11173051.jpg.pagespeed.ce.uSULc-VG9VI prossimi Giochi Paralimpici di Rio de Janeiro – dal 7 al 18 settembre – saranno gli ultimi per l’atleta Marieke Vervoort, 37 anni. A dirlo è stata lei stessa, durante la presentazione della delegazione belga, di cui fa parte. “Sto cominciando a pensare alla mia eutanasia”. Fino a pochi giorni prima, non era neanche sicuro che Marieke, che soffre di una malattia muscolare cronica ed è in sedia a rotelle dal 2000, potesse partecipare ai Giochi.

Ma lei è ancora in gara. “Sono felice, anche se non è facile. Ci sono giorni buoni e cattivi. Certe notti dormo solo dieci minuti”, dice. “Non ho mai pensato che sarei arrivata a Rio. E’ il mio ultimo desiderio, poi, eventualmente, potrò chiudere in bellezza”.

“Vinco le Paralimpiadi, poi mi uccido: è il mio ultimo desiderio”. L’atleta chocultima modifica: 2016-09-07T14:20:15+02:00da ellenaellena73
Share via emailSubmit to redditShare on Tumblr

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.