Il campanile di Oroset (episodio 10°)

felice
seguito:

Isabel, volevo dirti che prima scherzavo quando ti avevo paragonata alla maga Circe che sebbene molto bella,

e sin qui nulla di strano,

aveva una magia malvagia con la quale avrebbe potuto farmi cadere vittima di un maledetto incantesimo…!! Uahahah…!! Uahahah…!!
Ahahahah…!! Semplicemente ridicolo…!!
Uahahah…!! Però ritiro tutto e chiedo umilmente venia. Casomai per questa tua virtù di sapere tutto ciò che mi riguarda, potrei riconoscere in te

dei poteri psichici da chiaroveggente…!! Ihihihih…!!

Buuuuuuuuuuuuu………….

Trascorsero la serata come auspicato, passeggiando per la città di Mestre, riuscendo nell’intento di appagare i loro appetiti rispettando il semplice ma prelibato programma brillantemente disegnato da Alex.

Alle ventidue esatte si portarono al centro dei grandi boschi.

Un’esteso polmone di verde alla periferia della città, in zona Carpenedo, costituito principalmente da boschi particolarmente estesi.

Isabel, Alex e
l’astronave…!!
E fu in quel preciso istante che Alex vide materializzarsi le fantastiche teorie di Isabel…!!!…!!!

Allora è tutto vero?
“Sogno o son desto?”
“Sono sotto l’effetto della birra doppio malto oppure no?”>
Si domandò un’Alex stupefatto come mai gli era capitato di essere…!!

Mio caro Alex, ti posso garantire che questa astronave è vera, viva e gode di buona salute…!! Ahahahah…!!
Semplicemente prodigioso…!!

Così, fugate le ultime perplessità alexiane, salirono a bordo dell’astronave dove il primo pilota diede il via

al countdown

per poi lanciarsi alla conquista dello spazio.
Motori super silenziosi e luci spente!
Fondamentale per una strategia dell’invisibile…!!

L’astronave orizzontale decollò in verticale per poi alzare la testa e, dopo aver fatto rientrare i quattro carrelli, volare verso il cielo fino a raggiungere la traiettoria che l’avrebbe proiettata sulla giusta rotta…!!

Uaoooooooooo si parteeeeeeeeeeeeee!! esclamò Alex, con l’entusiasmo tipico dei bambini.

Le cinture di sicurezza, ancora allacciate, in realtà non erano che delle imbracature a metà corpo appositamente studiate per ovviare ai rischi causati dalle forti inclinazioni a cui era sottoposta l’astronave!

Mamma mia…!! Oh! Ma stiamo volando per davvero! Esclamò Alex,

non senza stupore e meraviglia

Adesso però mi devi raccontare di Selene, perché mi piacerebbe sapere dove si trova questa città dal sapore vagamente fiabesco…??

Mi sembra più che giusto!
Sai Alex….. stiamo andando sulla Luna…..!!
Ah ecco….. volevo ben dire…..!!
Comeeee……… stiamo andandooooo…. sulla Lunaaaa………?? Daiiii….. cerca di raccontarmela giusta…!!
Ma ti diverti così tanto a prendermi per il culo…??

Mai stata così seria come in questo momento!! Ihihihih…!!!

Ma allora….. questa mattina…??
Facevi sul serio quando mi parlavi di una
“straordinaria avventura”…..

Perché effettivamente ci troviamo all’interno di un’astronave e stiamo volando “alti alti”, lanciati nello spazio…!!

“Incredibile….. incredibile”……..…!!
Lunaaaaaa, ohhhhh!……… Lunaaaa, arriviamoooo…..!!
Quindi sulla Luna esiste una città che si chiama Selene…??
Certo che sì!!!
Selene è una città interamente ricavata nel sottosuolo lunare…!!
Una città così grande e tutta sotto terra…??
Prego, sotto luna…. Ahahahah…!!
E già, hai perfettamente ragione, sulla Terra scavi la terra mentre sulla Luna scavi la luna!
Uahahah…!!

segue…….

Libro I e Libro II
luna1

Libro I gratuito 
http://www.lulu.com/shop/felice-tolfo/il-campanile-di-oroset-libro-i/ebook/product-23785046.html

Il campanile di Oroset (episodio 10°)ultima modifica: 2019-02-12T09:18:02+01:00da felixthecat6

Lascia un commento