Il campanile di Oroset (episodio 51°)

http://www.lulu.com/shop/felice-tolfo/il-campanile-di-oroset-libro-i/ebook/product-23785046.html
Felice Tolfo

 

 

Seguito:

Ci troviamo tutti in un presente fattivo al cento per cento per un futuro che dovrà andare al mille per cento!

Tutto quello che veniva realizzato sulla Luna era il risultato di un lavoro sopraffino che univa la fatica all’ingegno dei lunari.

 

=====================================================================================================

Ci troviamo tutti in un presente fattivo al cento per cento per un futuro che dovrà andare al mille per cento!

Tutto quello che veniva realizzato sulla Luna era il risultato di un lavoro sopraffino che univa la fatica all’ingegno dei lunari.

Respira Aleandro, mi raccomando ogni tanto devi anche farlo, altrimenti…!! Uahahah…!!  intervenne Alex.

Ahahahah…!! Ahahahah…!! Hai perfettamente ragione Alex, sei proprio un grande simpaticone..!!..??..!!

Adesso che ho ripreso fiato posso anche proseguire…. Tu che ne dici, Alessandro Ruggero Boson detto “Alex il grande”…..  Ahahahah…!! Ahahahah…!!

Uahahah…!!  Uahahah…!!

Cercarono in tutti i modi di semplificarsi la vita stabilendo delle regole estremamente semplici e tutte con un denominatore comune:

“utilità sociale”!!

La più eclatante perché segnava in modo marcato il loro stile di vita:

sulla Luna non esisteva il denaro

Non c’era nulla che si potesse comprare perché niente era posto in vendita!

Mai utilizzati i verbi vendere e comprare!

Risultato:

“nessuno”

era privato dal possedere una cosa considerato che per “tutti” c’era l’opportunità di averla.

 

“Nessuno era ricco e nessuno era povero”

 

Di questa genialata me ne aveva già accennato Isabel! Comunque sono estasiato nel sentire anche la tua descrizione. Una felice realtà lunare.

Perfino nell’impossibile siete dei grandi…..  magnifici…!!  affermò Alex.

Devi sapere, mio caro amico terrestre, che quando parlo della nostra città mi lascio trasportare dall’enfasi dell’entusiasmo perché la mia, anzi la nostra soddisfazione per quanto realizzato sin d’ora va oltre ogni logica previsione…..

 

dove la magia si fonde con la realtà!

 

Dalle linee elettriche al sistema idraulico, dalla interconnessione globale tra reti informatiche e telefoniche all’illuminazione pubblica e naturalmente l’elemento primario e fondamentale per la vita: l’ossigeno.

 

La città,

un potente inno alla vita in tutte le sue infinite sfumature…!!

Mentre i giovani ancora studiavano tutti gli adulti lavoravano.

Le scuole duravano sedici anni.

A tre anni si partiva con la prima sino ad arrivare alla tredicesima, ultima delle obbligatorie.

Poi altri tre anni volontari per chi aspirava ad una specializzazione professionale che fosse di utilità alla città e ai suoi abitanti.

Pertanto non erano contemplate certe materie che a Selene sarebbero risultate clamorosamente inutili,

ma anche ridicole,

come economia e commercio, giurisprudenza, scienze politiche e via dicendo…!!

Presenti numerosi bedico

(beni di consumo):

bedico alimentari, bedico abbigliamento, bedico elettronica, bedico informatica, bedico medicinali,

eccetera eccetera!

Scuole, palestre, un ospedale, tre cinema, ristoranti, bar, discoteche, centri di preghiera, una sala della pioggia, un giardino immerso in un verde ricco di piante, un museo dedicato a Kallox e

chi più ne ha più ne metta…..!!

Centri di preghiera dove il loro Dio non era kalloxiano né tantomeno marziano ma,

com’era ovvio pensarlo,

aveva a che fare con Sarior.

Quei sessanta sarioriani, eroi colonizzatori di Kallox, raccontarono di una presenza virtuale, avvenuta non si sa quando, che riuscì a trasmettere un’importante segnale d’amore…!!

 

Città dotata di parecchi confort per una vita quotidiana più che gradevole.

 

 

 

Il campanile di Oroset (episodio 51°)ultima modifica: 2019-05-14T14:46:58+02:00da felixthecat6

Lascia un commento