Il campanile di Oroset II (episodio 50°)

felice

Felice Tolfo

 

seguito:

 

Alex fu subito colpito dalla grandiosità delle dieci astronavi parcheggiate in verticale!

 

Alex fu subito colpito dalla grandiosità delle dieci astronavi parcheggiate in verticale!

Ma solamente una si trovava sotto il tetto apribile già con il portellone spalancato e la scaletta saldamente appoggiata al suolo.

 

<Guarda Alex deve essere quella l’astronave che ti riporterà a casa…!!>

<Già, l’ho notata anch’io. Mi sta aspettando…!!

Toh guarda….. ma che belle? Ci sono anche le poltroncine….. Uahahah…!! dai sediamoci!

Mi piacerebbe tanto sapere come fanno a muovere queste possenti astronavi per poi centrarle sotto il tetto apribile?>

<Ci sono dei trascinatori automatici attrezzati appositamente per compiere certe grandi imprese grazie all’impegno di forze esigue.

Lo vedi quell’attrezzo sotto la seconda astronave a partire da sinistra?>

<Si lo vedo benissimo!>

<Eccolo….. è proprio lui….. il magico trascinatore!>

 

Si sedettero in dolce attesa……??

 

<Ehi….. ma noi siamo già pronti per conquistare la Terra!> Esplose con entusiasmo il comandante Erasmo! Improvvisamente fuoriuscito dal portellone per poi bloccarsi lungo il bordo della scaletta…..

 

Equipaggio al gran completo: due piloti e due assistenti di volo.

 

<Sali pure Alex che tra dieci minuti si parte! Un po’ in anticipo ma io preferisco così…!!> annunciò Erasmo. <Mi dispiace per te Isabel, ma dovrai uscire subito.

Al massimo ti possiamo concedere ancora un paio di minuti…..>

<Grazie…!! Il tempo di salutarlo e vi lascio…..>

 

Ancora un forte abbraccio e un bacio lungo mille galassie, suggellarono il loro primo distacco!

 

<Ciaooo amoree….. Ti amoooo!!> gridò Isabel.>

<Ciaooo amoree mio, anch’io ti amo tanto e vedrai….. te lo prometto….. tornerò presto! Uahahah…!! Uahahah…!!>

 

E già…!! Quella risata finale di Alex……. Maaa…?? !! Non voleva essere di scherno nei confronti della cara Isabel….. Assolutamente no…!! Altro non era se non, semplicemente,

 

l’espressione di un uomo che sapeva essere felice!

 

La sofferenza del primo distacco da quando stavano insieme si avvertiva come forse non avrebbero pensato, ma

 

diversamente non ci sarebbe stata logica?

Si trattava della loro prima volta…!!

 

L’uscita di Isabel dall’hangar consentì agli addetti di attivare le procedure preliminari:

 

chiusura della porta stagna e successiva apertura del tetto a lastre incrociate.

 

Subito dopo, con la luce accecante del sole che riusciva ad attraversare l’oblò accanto al quale Alex se ne stava comodamente seduto e cinturato, la scaletta si ricompose all’interno dell’astronave permettendo così la chiusura delle due porte stagne…!!

 

Motori accesi…!!

E,

“piano piano”,

l’astronave iniziò a sollevarsi.

Si alzò,

“alta alta”,

per intraprendere la via del cielo infinito.

 

Ad operazione ultimata il tetto dell’hangar si richiuse del tutto.

Nel frattempo Isabel s’incamminò verso casa.

 

Un po’ triste per l’involontaria solitudine ritrovata

ma felice per l’amore di Alex…..

ah l’amore!

Com’era cambiata la sua vita rispetto a prima…!!

 

Il volo iniziò come meglio non poteva e l’atmosfera che vi regnava a bordo la si poteva considerare invidiabile sotto tutti i punti di vista.

 

All’una, dopo due ore abbondanti di navigazione,

l’astronave procedeva spedita verso la Terra.

 

Facile per Alex prendere la via disegnata dal buon Morfeo.

Alle sette e trenta del diciassette settembre fu svegliato per la colazione.

 

<Dai Alex>, disse il comandante Erasmo, <ti abbiamo preparato una colazione “personalizzata”….. su sbrigati!>

<Eccomi, quando si parla di mangiare sono sempre pronto! Uahahah…!!>

<Tortillas al cioccolato, caffè e un bicchiere di latte! Ahahahah…!!>

 

<Uahahah…!! Ma è la stessa dell’altra volta…?? Uahahah…!!>

<Ahahahah…!!  Ahahahah…!!>

 

 

segue…..

Il campanile di Oroset II (episodio 50°)ultima modifica: 2019-07-11T06:35:10+02:00da felixthecat6

Lascia un commento