Il campanile di Oroset I (episodio 96°)


felice

Felice Tolfo

 

seguito: 

<Cambiando discorso, qui la temperatura sarà di 2 o 3 gradi sotto lo zero. In città fa decisamente meno freddo,

come mai questa differenza?>

<Cambiando discorso, qui la temperatura sarà di 2 o 3 gradi sotto lo zero. In città fa decisamente meno freddo,

come mai questa differenza?>

<A dire il vero anche in città si trovano certe zone con temperature basse. Sono posti abbastanza singolari dove l’incoveniente viene risolto con l’aria calda dei depuratori.>

<Mi sembra giusto dove fa freddo si riscalda…!!>

<Certo, anche a casa ognuno si regola la temperatura a proprio piacimento!

Riprendo la tua domanda per dirti che sotto il suolo lunare la temperatura cambia. Si va in profondità e la temperatura aumenta. Però in alcuni sporadici casi si verifica esattamente l’opposto. Precisamente nel momento in cui l’ambiente viene raffreddato dalle infiltrazioni di temperatura gelida provenienti dall’esterno, considerato che l’aria non esiste. In questo modo le pareti della grotta si raffreddano lasciando inalterate le strutture di unione fondamentali per la tenuta stagna dell’habitat.>

<Fantastico, mi sembra tutto così surreale…..>

<Chi ha freddo si scalda con l’aria calda dei depuratori, comunque si può lavorare bene anche indossando degli indumenti un po’ più pesanti!>

<Certo che sì!  

Io sono innamorata dell’abbigliamento tirolese.

Giacca in lana cotta stile tirolese, maglia in lana cotta in pura lana vergine…… uaoooooo mi piace un casino…!!> urlò Isabel.

<Allora ragazzi….. voi cosa dite..?

Io sarei un po’ infreddolita e anche leggermente affamata!!>

 

<Hai ragione sono già le tredici,

quando ci si trova in buona compagnia non ti accorgi della velocità del tempo che scorre!

Allora volendo, “piano piano”, possiamo anche rientrare.>

Alex prima di salire sul trenino si rivolse ad Aleandro per un chiarimento circa le luci flash intraviste nel viaggio di andata all’interno di una galleria tutt’altro che virtuale??

<Ma quella è una galleria che noi non frequentiamo più da molto tempo…!!> rispose Aleandro.

<E’ pericolosa perché manca di manutenzione e frequentarla sarebbe da incoscienti.

Lì dentro i crolli non rispettano più nessuno…!!>

<Ma Aleandro………?? Guarda che io non avevo le traveggole perché quelle luci….. le ho viste veramente…!!

E’ stato tutto così veloce da sembrare irreale,

comunque la mia non è stata una vaga sensazione

ma una vera certezza!

Inoltre, anche se solamente per un attimo,

accanto a quelle luci ho intravisto delle sagome in movimento…??

Però…. tu mi smentisci clamorosamente e allora….?

Vuol dire che avevo per davvero le traveggole…..

pazienza…!!>

 

<Ma sicuramente….. hai preso un’abbaglio….. Mi dispiace per te…!!>

A quel punto Alex sorpreso dall’atteggiamento ostruzionistico di Aleandro preferì zittirsi evitando così ulteriori affermazioni discordanti.

Giusto il tempo per fare l’occhiolino a Isabel e chiudere la parentesi con un suo personalissimo pensiero…..

<“Mi piacerebbe tanto conoscere il motivo che ha portato Aleandro a mentirmi così spudoratamente?”>

Con la macchina per ritrovarsi nuovamente di fronte all’abitazione di Aleandro dove i magnifici tre si fermarono per un veloce e cordiale saluto.

Aleandro non esitò un solo istante nel ringraziare Isabel e Alex per la piacevole mattinata trascorsa in così gradevole compagnia. Oltretutto, vedendoli piuttosto sfiniti, diede grande dimostrazione della sua bontà d’animo

lasciandoli liberi con la solenne promessa di non disturbarli più…..!!

Almeno fino al giorno successivo…??


segue…..

Il campanile di Oroset I (episodio 96°)ultima modifica: 2020-02-13T15:40:46+01:00da felixthecat6

Lascia un commento