Il campanile di Oroset I (episodio 99°)


felice

Felice Tolfo

 

seguito: 

Perché..? Che significato ha negare l’evidenza di un fatto realmente accaduto, dove io sono stato l’unico vero testimone…!!

Questo mi fa pensare che stia nascondendo qualcosa di suo proposito, ma non riesco ad immaginare cosa mai potrebbe essere….??  Uhmm….. ho una voglia matta di ritornare da quelle parti per un giretto esplorativo nella “misteriosa” galleria…??  Uahahah…!!

Perché..? Che significato ha negare l’evidenza di un fatto realmente accaduto, dove io sono stato l’unico vero testimone…!!

Questo mi fa pensare che stia nascondendo qualcosa di suo proposito, ma non riesco ad immaginare cosa mai potrebbe essere….??  Uhmm….. ho una voglia matta di ritornare da quelle parti per un giretto esplorativo nella “misteriosa” galleria…??  Uahahah…!!

 

La mia non è altro che pura e semplice curiosità!

Purtroppo io sono fatto così….!!

Alle volte mi sento ancora un bimbetto immaturo e curioso…!!>

<Senti un po’, bimbetto immaturo e curioso,

Ahahahah… Ahahahah…!!>

<Uahahah…!!  Uahahah…!!>

<E’ ovvio che adesso non abbiamo il tempo che ci servirebbe ma più in là….. si potrebbe anche andare a curiosare per vedere meglio quella galleria…??…??>

 

E con l’allegra speranza nel cuore di Alex uscirono di casa per una passeggiata più che mai dal sapore romantico.

 

Per Alex si trattava pur sempre di un avvenimento, nel vero senso della parola!

Si camminava lungo marciapiedi colorati di arancione tra costruzioni dipinte di mille colori.

 La segnaletica si presentava in orizzontale sulle strade e stampata sui muri laterali di certe palazzine predestinate.

Oltre ai tabelloni elettronici presenti in grande numero attraverso i quali passava anche la pubblicità!

Ma in realtà altro non era se non il lancio di alcuni

nuovi prodotti da utilizzare…..

 

Malgrado un’apprezzabile concentrazione di persone, biciclette e mezzi motorizzati, non si percepivano situazioni di criticità. L’ordine che si viveva era il risultato della grande civiltà che regnava nella città.

 

Considerevole l’estensione di Selene dove per le strutture più alte si era scavato maggiormente per raggiungere profondità superiori,

meno ventidue/ventitré metri.

Ma in certi casi anche meno ventisei/ventisette metri.

In quel modo si era creata, per alcuni tratti, un’urbanistica stradale similare alle zone collinari terrestri.

 

Numerosissimi e variegati i bedico. Regolarmente riforniti e sempre a disposizione dell’intera cittadinanza con compiacenti orari di apertura.

 

Si andava nei bedico per rifornirsi quanto bastava e ovviamente “non si pagava nulla”!

Nei ristoranti e nei bar ci si poteva sedere per essere serviti

 con quanto si desiderava, e

“non si pagava nulla”!

 

<Isabel mi devi togliere una curiosità sui bedico, perché non ho capito il peso della disponibilità nel dare cose anche oltre il necessario…!!.

<Bella domanda!

Disponibilità illimitata…..

L’intera popolazione è stata educata per vivere una vita basata sul proprio autocontrollo comportamentale senza la necessità di interventi da parte di terze persone.

Come ti avevo già accennato durante il nostro viaggio:

esistono delle regole ben precise che vengono rispettate grazie ad un meccanismo spontaneo di adeguamento personale…!!>

<Splendido:

tutto questo non è altro che patrimonio civile del popolo selenese…!!>

 

Nel frattempo si resero conto che il tempo a loro disposizione si era praticamente azzerato.

 

Un rapido passaggio a casa per i preparativi di rito in vista della “romantica” cena in casa Aleandro…..

 


segue…..

Il campanile di Oroset I (episodio 99°)ultima modifica: 2020-02-14T23:53:16+01:00da felixthecat6

Lascia un commento