Il campanile di Oroset I (episodio 137°)


felice

Felice Tolfo 

seguito:

 

“fare l’amore dolcemente”   

Un motivetto che si trasformò in un love refrain fino a notte inoltrata.

 

“fare l’amore dolcemente”  

 Un motivetto che si trasformò in un love refrain fino a notte inoltrata.

 

9 settembre

Ottavo dei quattordici giorni di buio

 

 

Il silenzio di quel mattino violentato dalla suoneria del cellulare di Alex…..

 

<Prontooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo, chi parlaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa?>

rispose un Alex più aitante che mai…!!

 

<Come chi parla…?? Sono le sei del mattino!> gridò Aleandro! <Ma che hai…..?? Non siamo mica all’opera…?? Ahahahah…!! Comunque ti sei già scordato di ieri…!! Eheheh….. ma non ti avevo detto che l’appuntamento sarebbe stato per le sette… e allora……??>

<Ciao Aleandro, impossibile da ricordare un tuo pensiero che ti sei tenuto dentro. Anche se la cosa ti può suonare strana non ci sono stati riferimenti circa l’orario di partenza!

Comunque va tutto bene, il tempo di vestirci e arriviamo…. dai su…..>

<Allora sbrigatevi, alle sei e trenta ci troviamo giù da voi!>

 

Bravi…!! Nulla da eccepire perché, malgrado lo screzio della sveglia, puntualissimi alle sei e trenta uscirono dalla porta della loro palazzina.

Ad aspettarli Aleandro e tre controller davvero esclusivi: Alfonso, Candido e Desiderio.

 

Compagni speciali in una spontanea e generosa ospitalità nei confronti del terrestre.

 

Una scarica di reciproche battute,

 

dopodiché s’incamminarono verso il CTS1

per il cambio di abbigliamento.

 

<Però queste tute, tutto sommato, non sono poi così scomode come si potrebbe pensare>, affermò Alex, <ti appesantiscono un po’ per via dello zaino tecnico ma nulla di insopportabile.

Mi piace un sacco il modo con il quale il casco diventa un tutt’uno, ermeticamente parlando, con l’anello della tuta semplicemente spingendocelo contro fino a sentire il doppio clik!>

<Mentre per toglierlo è sufficiente tenere premuto per due secondi il bottone posto sul lato destro dello stesso anello!> riprese Isabel.

<E se per caso il dispositivo non dovesse funzionare allora si può rimediare manualmente con la levetta inserita sul lato sinistro. Uahahah…!!> proseguì Alex.

<Eppoi a guardarlo bene è proprio figo con i tre occhi sul frontale e le due aste portabandiera posteriori!>

<Guarda che i tre occhi in realtà sono le due videocamere con al centro la luce. E quelle che tu chiami aste portabandiera non sono altro che le due antennine: una per i microfoni e l’altra per gli altoparlanti! Ahahahah…!!>

<Non avevo dubbi sugli occhi, mentre sulle aste…?? Uahahah…!!

Però sbrighiamoci perché non vedo l’ora di uscire!>

<Ahahahah…!!  Ahahahah…!!> un divertito Aleandro che non perdeva mai l’occasione per una bella risata. <Ma che bravi….. Certo Alex per te è già la seconda volta, ecco perché ti è riuscita così bene la descrizione del casco…..

 

Mi ero completamente scordato della tua eroica grande….. passeggiata post sbarco…!! Ahahahah…!!>

<Uahahah…!!>

segue:

Il campanile di Oroset I (episodio 136°)


felice

Felice Tolfo 

seguito:

<Eeeeeeee…….….eeee   ma  cos’é cos’é……… cosss’é?  Ahahahah…!! Ahahahah…!! Ahahahah…!!

Matto matto, il mio amore è proprio matto…!!

Però:

che bello…!!>

Uahahah…!! Ahahahah…!!  Uahahah…!!  Ahahahah…!!

<Eeeeeeee…….….eeee   ma  cos’é cos’é……… cosss’é?  Ahahahah…!! Ahahahah…!! Ahahahah…!!

Matto matto, il mio amore è proprio matto…!!

Però:

che bello…!!>

 Uahahah…!! Ahahahah…!!  Uahahah…!!  Ahahahah…!!

<Guarda Alex che quando ritorneremo a casa accenderemo la tv per guardarci un bel talk show italiano sulla politica…!!…!!…!! Ahahahah…!!> gridò Isabel.

<Uahahah…!!  Uahahah…!!

Comunque non mi piace perché quelli stanno sempre a litigare…!!>

<Ah! ma litigano per davvero…?

Non fingono…?

Io pensavo che…..??…!!…??

Ma allora com’è sto fatto che fanno sempre una grande caciara…??>

<Questo è vero!

Di caciara ce n’è sempre parecchia che risulta anche difficile trovare il bandolo della matassa!

Il filo rimane sempre aggrovigliato perché la loro forza sta proprio nella matassa…!!

Uahahah…!! Uahahah…!!>

<Tutta tattica, tattica italiana…!! Ahahahah…!! Ahahahah…!!>

<Uahahah…!!  E se invece di guardare la tv…..??…??……>

<M a   i o   p e n s a v o   c h e   u n a   b e l l a

“buonanotteeeeeeeeee…amoreeeeeeeee…!!

Fosse più che sufficiente…!!

Ahahahah…!!>

<Uahahah…!!  Uahahah…!!>

<Okay okay amore….. chiama l’Osteria La Cuccagna e senti se ci possono offrire qualcosa da mangiare e anche da bere?>

<Isabel, che culo…..!! ci sono “giusti giusti” due posti per noi…….  Uahahah…!!>

Uahahah…!!  Ahahahah…!!  Uahahah…!!  Ahahahah…!!

Il tempo che solitamente richiedeva uno snack con tanto di aperitivo venne impiegato per consumare un delizioso pranzetto. Certamente una velocità esagerata che a tavola non era mai gradita anche se, alla fine, permise loro di vedere il film sin dall’inizio.

Terminata la proiezione uscirono,

“adagio adagio”,

 dalla sala

per poi avviarsi,

con un impeto irrefrenabile,

verso casa…!!…!!

L’entrata fu trionfale!

Una fanfara virtuale per solennizzare la bellezza di un quadro che

 

già esplodeva di felicità!

 

In un batter d’occhio si trovarono nudi sul lettone…….

L’approccio per una comicità aggressiva,

il tutto alla velocità della luce …!!…!!

Durata: tre minuti “scarsi scarsi”…..!!

L’amore alla velocità della luce non appaga proprio per niente…!!

Un attimo di suspense…..!!!!!…..!!!!! prima di guardarsi negli occhi………. per poi scoppiare dalle risate…!!

Uahahah…!!  Ahahahah…!!  Uahahah…!! Ahahahah…!!

Rimasero così, amorevolmente e simpaticamente delusi, fino all’intervento del buon Morfeo che mise la parola fine a quella situazione idilliaca come non mai…!!

Il sonno….. tanto profondo quanto breve…..

per un’aria:

 

“fare l’amore dolcemente”  

 

Un motivetto che si trasformò in un love refrain fino a notte inoltrata.

 

segue:

Il campanile di Oroset I (episodio 136°)


felice

Felice Tolfo 

seguito:

 

<Eeeeeeee…….….eeee   ma  cos’é cos’é……… cosss’é?  Ahahahah…!! Ahahahah…!! Ahahahah…!!

Matto matto, il mio amore è proprio matto…!!

Però:

che bello…!!>

Uahahah…!! Ahahahah…!!  Uahahah…!!  Ahahahah…!!

 

<Eeeeeeee…….….eeee   ma  cos’é cos’é……… cosss’é?  Ahahahah…!! Ahahahah…!! Ahahahah…!!

Matto matto, il mio amore è proprio matto…!!

Però:

che bello…!!>

 Uahahah…!! Ahahahah…!!  Uahahah…!!  Ahahahah…!!

 

<Guarda Alex che quando ritorneremo a casa accenderemo la tv per guardarci un bel talk show italiano sulla politica…!!…!!…!! Ahahahah…!!> gridò Isabel.

<Uahahah…!!  Uahahah…!!

Comunque non mi piace perché quelli stanno sempre a litigare…!!>

<Ah! ma litigano per davvero…?

Non fingono…?

Io pensavo che…..??…!!…??

Ma allora com’è sto fatto che fanno sempre una grande caciara…??>

<Questo è vero!

Di caciara ce n’è sempre parecchia che risulta anche difficile trovare il bandolo della matassa!

Il filo rimane sempre aggrovigliato perché la loro forza sta proprio nella matassa…!!

Uahahah…!! Uahahah…!!>

<Tutta tattica, tattica italiana…!! Ahahahah…!! Ahahahah…!!>

 

<Uahahah…!!  E se invece di guardare la tv…..??…??……>

 

<M a   i o   p e n s a v o   c h e   u n a   b e l l a

“buonanotteeeeeeeeee…amoreeeeeeeee…!!

Fosse più che sufficiente…!!

Ahahahah…!!>

<Uahahah…!!  Uahahah…!!>

 

<Okay okay amore….. chiama l’Osteria La Cuccagna e senti se ci possono offrire qualcosa da mangiare e anche da bere?>

<Isabel, che culo…..!! ci sono “giusti giusti” due posti per noi…….  Uahahah…!!>

 

Uahahah…!!  Ahahahah…!!  Uahahah…!!  Ahahahah…!!

 

Il tempo che solitamente richiedeva uno snack con tanto di aperitivo venne impiegato per consumare un delizioso pranzetto. Certamente una velocità esagerata che a tavola non era mai gradita anche se, alla fine, permise loro di vedere il film sin dall’inizio.

 

Terminata la proiezione uscirono,

“adagio adagio”,

 dalla sala

per poi avviarsi,

con un impeto irrefrenabile,

verso casa…!!…!!

L’entrata fu trionfale!

Una fanfara virtuale per solennizzare la bellezza di un quadro che

 

già esplodeva di felicità!

 

In un batter d’occhio si trovarono nudi sul lettone…….

L’approccio per una comicità aggressiva,

il tutto alla velocità della luce …!!…!!

Durata: tre minuti “scarsi scarsi”…..!!

 

L’amore alla velocità della luce non appaga proprio per niente…!!

 

Un attimo di suspense…..!!!!!…..!!!!! prima di guardarsi negli occhi………. per poi scoppiare dalle risate…!!

 

Uahahah…!!  Ahahahah…!!  Uahahah…!! Ahahahah…!!

 

Rimasero così, amorevolmente e simpaticamente delusi, fino all’intervento del buon Morfeo che mise la parola fine a quella situazione idilliaca come non mai…!!

Il sonno….. tanto profondo quanto breve…..

 

per un’aria:

 

“fare l’amore dolcemente”  

 

Un motivetto che si trasformò in un love refrain fino a notte inoltrata.

 

 

segue:

Il campanile di Oroset I (episodio 135°)


felice

Felice Tolfo 

seguito:

Una puttana scatenata…!!

 

Uahahah…!! Uahahah…!!>

 

Ahahahah…!!  Uahahah…!!  Ahahahah…!!  Uahahah…!!

Una puttana scatenata…!!

 

Uahahah…!! Uahahah…!!>

 

Ahahahah…!!  Uahahah…!!  Ahahahah…!!  Uahahah…!!

 

<Ahahahah…!! Ahahahah…!!

Sei tremendo…..!!!

Però mica male la puttana scatenata…!! Ahahahah…!!>

 

Ahahahah…!!  Uahahah…!!  Ahahahah…!!  Uahahah…!!

 

<Se solo ci penso mi emoziono come un bambino.…!!>

<Anche se la storia di Alien la bavosa te l’ho tirata fuori io,

a pensarci bene fa comunque veramente schifo!!

“Però però”…..  potrebbe anche essere imparentata con l’alieno misterioso, se non addirittura

esserne la sua adorata amante…..

Ahahahah…!!>

<Uahahah…!!  Uahahah…!!>

<E comunque sono perfettamente d’accordo con te:

sei veramente un bambino, un bambino sognatore!! Ahahahah…!!>

<Uahahah…!!>

<Comunque è giusto che sia così…!!

 Ovvio e anche scontato per lo straniero che viene dalla Terra!  Ahahahah…!!>

<Uahahah…!!  Uahahah…!!

Però questo straniero, bambino sognatore, si è innamorato di una bella donna lunare

dalle qualità sublimi….. eheheh…!!

Chiamalo scemo…??…??>

<Com’era la tua battuta:

scemo sì ma fesso quasi mai…!! Ahahahah…!!

E adesso, nell’attesa del grande avvenimento di domani, cosa facciamo?> chiese Isabel.

<Proposta:

tentare una sortita all’Osteria La Cuccagna dove abbiamo mangiato alla grande e speso un bel niente…??>

 

<Uhmmmmm…..?? Ma si dai….. tutto sommato non mi sembra proprio una cattiva idea!>

<Devo telefonare per sentire se ci sono due posti liberi,

“semplice  semplice”,

e poi….. già che ci siamo,

volendo esagerare si potrebbe fare un saltino al cinema per la programmazione pomeridiana, e……………. “forse forse” dopo: …………………………………..??………..??……….??…………………………

Uahahah…!! Uahahah…!! Uahahah…!!

A l l a   f i n e   

di questa giornata che potrei definire già abbastanza godereccia…??…??

Si ritorna  a  c a s a,  eeeeeeeeeeee …..!!

Oilaaaaaa…aaaaaaa…aaaaaaa…. Uahahah…!! Uahahah…!!>

 

<Eeeeeeee…….….eeee   ma  cos’é cos’é……… cosss’é?  Ahahahah…!! Ahahahah…!! Ahahahah…!!

Matto matto, il mio amore è proprio matto…!!

Però:

che bello…!!>

Uahahah…!! Ahahahah…!!  Uahahah…!!  Ahahahah…!!

segue: