Il campanile di Oroset I – libro primo – (episodio 25°)

http://www.lulu.com/shop/felice-tolfo/il-campanile-di-oroset-libro-i/ebook/product-23785046.html
Felice Tolfo

     

fine precedente:                         

<Alex, ci siamoooo…!!

Eccoci oramai prossimi allo sbarco sulla Luna…..!!

Eh… ti è piaciuto l’annuncio…??>

(25° ep.)

<Proprio niente male…!! E’ così che si fa se vuoi che io mi senta un vero pioniere dello spazio.

Me le devi regalare sempre queste emozioni…!!

Uahahah…!! Uahahah…!! Uahahah…!!>

<Ahahahah…!! Adesso è anche arrivato il momento della tanto amata, per non dire “odiata”, vestizione! E già mio caro perché prima di uscire fuori all’aperto, per percorrere quei settanta metri che ci separeranno dalla città, dovrai entrare in una bella e super tecnologica tuta spaziale!>

<E se invece usciamo senza la tuta?>

<Gli ultimi trenta secondi della tua preziosa ed unica vita prima di morire stecchito…!!>

<Brrrrrr… brividiiiii, temevo che si dovesse soffrire un po’…!!>

<Daiiiii…… soffrire…? Addirittura ….? Esagerato…..>

<Ohhhhh, Isabel…….. stavo scherzando…!!

Non vedo l’ora di fare la mia prima passeggiata lunare, ma è anche pacifico che un po’ si dovrà soffrire….. per via dell’ingombro della tuta…!! Uahahah…!!>

Ahahahah…!! Uahahah…!!

<Comunque devi sapere che le nostre tute spaziali sono vistosamente meno ingombranti delle tute utilizzate dai terrestri!! Le vostre, a pieno regime, sono piuttosto goffe. La tuta troppo gonfia condiziona l’agibilità di chi la indossa, come minimo ne limita i movimenti rendendoli lenti ed impacciati!>

<Ma la vostra tecnologia rispetto alla nostra è molto più evoluta!

Basta guardare questa astronave che ci sta gentilmente accompagnando sulla Luna….. Siete grandiosi…!!>

Ore ventuno e trenta: entrata nell’orbita lunare.

Ore ventidue: atterraggio sulla Luna.

Isabel e Alex, all’interno della loro bianca tuta spaziale, in serena attesa di toccare il suolo lunare. Scansando, avvedutamente, la manovra del parcheggio diretto nell’hangar avrebbero così anticipato il loro sbarco di circa una trentina di minuti.

L’astronave orizzontalmente posizionata eseguì, in un tempo sufficientemente ristretto, il classico atterraggio in verticale.

Da espletare la pratica sbarco passeggeri. Dopodiché si sarebbe dovuta risollevare, alzare la testa, disporsi in perfetta verticale per poi introdursi,

con esasperante concentrazione, all’interno dell’hangar!

Per i due avventurieri che non vedevano l’ora di entrare in città

il tempo era meglio se risparmiato!

Tre le possibilità di atterraggio dell’astronave kalloxiana:

  • Astronave orizzontale” atterraggio verticale (normalmente in uso nelle missioni);
  • Astronave orizzontale” atterraggio orizzontale in scivolata come un normale aeroplano (effettuato saltuariamente sulle piste di Irasor);

  • Astronave verticale” atterraggio verticale (parcheggio nell’hangar).

Scendere dall’astronave e mettere i piedi sulla superficie lunare non era così semplice come sulla Terra. Una breve attesa per l’apertura alternata delle due porte stagne prima di scendere lungo la scaletta fuoriuscita fino a toccare dolcemente il suolo. Isabel da perfetta padrona di casa s’impadronì del dilettante inesperto garantendogli il massimo sostegno come guida, certamente competente, nella sua prima passeggiata lunare. Il panorama poteva anche rappresentare una certa e non indifferente delusione per Alex, ma altro non era se non una provvisoria realtà di un buio lunare.

Il secondo dei quattordici giorni di buio!

Però per Alex

si trattava della sua “prima volta” sulla Luna!

Ed essere lì in quel preciso istante gli procurava un mix esplosivo di bellezza per un italiano estasiato…!!

Il suolo lunare si presentava sabbioso e polveroso. Si trattava di regolite, una miscela di detriti rocciosi prodotti dagli impatti meteoritici avvenuti in miliardi di anni.

La città altro non era se non un’opera mastodontica interamente ricavata nel sottosuolo con tutti i suoi spazi vitali ermeticamente chiusi e debitamente aerati. Il contatto con l’esterno poteva avvenire solamente tramite solide doppie porte stagne che ne garantivano la tenuta.

segue…..

Il campanile di Oroset I – libro primo – (episodio 25°)ultima modifica: 2021-10-28T09:36:37+02:00da felixthecat6

Lascia un commento