Marzo 2018: John Lee Hooker – FOLK BLUES (1959)

jlh

 

Data di pubblicazione: 1959
Registrato a: Detroit
Produttore: John Lee Hooker
Formazione: John Lee Hooker (voce, chitarra), Eddie Kirkland (chitarra), Tom Whitehead (batteria), Bob Thurman (piano), Otis Finch (sassofono tenore), Everett McCray (basso), Richard Johnson (batteria), Eddie Taylor (chitarra), Frankie Bradford (piano)

 

Lato A

 

                        Baby, I’m gonna miss you
                        Half a stranger
                        Shake holler and run
                        Down child
                        Gonna boogie
                       

Lato B

 

                        Bad boy
                        Rock house boogie
                        Let’s talk it over
                        Baby you ain’t no good
                        Lookin’ for a woman

 

Il blues racconta una storia.
Ogni riga del blues ha un significato
(John Lee Hooker)

 

Lo chiamano “Urban Blues” il suo. Un blues scarno, sanguigno, fatto di cose tolte, senza orpelli né abbellimenti (o presunti tali). Una chitarra nervosa e indisciplinata, che spesso preferisce alle rassicuranti sequenze di accordi blues l’incedere selvaggio di un unico accordo ritmico. Una predilezione per tonalità scure e riff ipnotici, ripetuti in maniera ossessiva e indolente. Una voce profonda e cavernosa, cruda e viscerale, prepotente e maleducata, evocativa e sensuale, in una parola ineguagliabile.
John Lee Hooker ha attraversato il Mississippi e tutta la storia del blues, dal “modello campagnolo” al boogie elettrico degli anni ‘50, per continuare in seguito come virtuoso con le piccole formazioni americane dei ’60 e terminando con il revival contaminato dalla “psichedelia” dei Canned Heat e nei vari duetti con artisti coevi.
Folk blues, il suo aggressivo album d’esordio, rimane uno dei suoi dischi essenzialmente più brillanti. Hooker in studio suona in presa diretta con il solo ausilio della chitarra e della voce, grazie all’approccio drammaticamente recitativo che lo contraddistingue, una serie di brani già da tempo presenti nel suo originalissimo repertorio. Aiuta la ritmica, già abbondantemente presente nell’intenso modo di porsi all’elettrica, con i piedi segnando il tempo, cadenzato e costante. L’atmosfera è ipnotica grazie soprattutto al riverbero meccanico e ai giusti dosaggi di delay; il suono esprime, con una miscela alternata di durezza e riflessività, la cruda e dolorosa vita nel ghetto nero in contrapposizione con l’immagine di copertina che sembrerebbe riportare la questione alle origini campestri a Clarksdale e quindi alle primitive sonorità. In realtà il disco trasmette proprio attraverso il controsenso figurativo tanto la carica di violenza repressa di Hooker quanto la sua compassionevole nostalgia.

 

Marzo 2018: John Lee Hooker – FOLK BLUES (1959)ultima modifica: 2018-03-12T13:08:08+01:00da pierrovox

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.