Luglio 2018: Jim O’Rourke – INSIGNIFICANCE (2001)

Insignificance

 

Data di pubblicazione: 19 novembre 2001
Registrato a: New York
Produttore: Jim O’Rourke (voce, chitarre), Rob Mazurek (corno), Ken Vandermark (sassofono), Jeff Tweedy (chitarra, armonica), Ken Champion (pedal steel guitar), Darin Gray (basso), Glenn Kotche (batteria, vibrafono), Tim Barnes (batteria)

 

Tracklist

 

                                   All downhill from here
                                   Insignificance
                                   Therefore, I am
                                   Memory lame
                                   Good times
                                   Get a room
                                   Life goes off
 

 

Tutti avevamo visto quel ragazzo timido,
anti-tecnologia, diventare dipendente dal cellulare
(Kim Gordon)

 

A parlare è Kim Gordon, la bassista dei Sonic Youth, ex moglie di Thurston Moore, che racconta la fine del suo matrimonio, e di conseguenza anche quella del gruppo. Fa riferimento ad un musicista timido che aveva militato per qualche anno con loro, e lo descrive come timido, introverso, ma nello stesso tempo così ambiguo. Dei dettagli personali ovviamente non ci importa in questa sede, né tantomeno di altre questioni. Ma da una constatazione quasi banale, possiamo tracciare il profilo di una delle menti più originali ed interessanti del rock alternativo americano a cavallo tra gli anni ’90 e i primi anni 2000: Jim O’Rourke.
Un musicista eclettico ed innovativo, da molti considerato uno dei padri della corrente post rock. Nel suo ampio curriculum possiamo trovare collaborazioni molto vaste e diverse, tra le quali annoveriamo quelle con i Wilco, Joanna Newsom, Stereolab e tantissimi altri. Ma O’Rourke può vantare una importante carriera da solista, con album che spaziano dalla sperimentazione pura alla composizione di canzoni in senso più convenzionale.
Insignificance del 2001 è quel tipo di album in cui confluiscono entrambi le abilità del musicista americano. L’album infatti suona come un tentativo di resuscitare il rock da radio FM americana degli anni ’70. Il riff iniziale di All downhill from here può anche sembrare pescato da qualche hit parade USA di quel decenio, ma nessun gruppo dell’epoca avrebbe infilato nel pezzo uno stralunato break come quello ideato da O’Rourke, segno che l’interesse per la sorpresa è sempre attivo per il Nostro. Lo stesso vale per Memory lane, rock cantautorale che sembra legare insieme tre o quattro canzoni diverse senza però confondere le idee. Funziona bene Good times, dai toni malinconici e country, mentre la title-track si veste di sonorità appena sporcate dal noise. Therefore, I am è una potente schitarrata rock, e gli ultimi due episodi aprono ampi spazi di emozione.
All’epoca della sua pubblicazione l’album destò l’interesse di critica e pubblico, che lo salutò come una delle opere più riuscite dell’anno. A distanza di anni si può senza dubbio sostenere che non ha perso un briciolo della sua brillantezza

Luglio 2018: Jim O’Rourke – INSIGNIFICANCE (2001)ultima modifica: 2018-07-12T19:37:06+02:00da pierrovox

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.