Erika De Nardo sposata, Maria Teresa Ruta a Storie Italiane: «Da mamma, non l’avrei perdonata»

Si parla del caso di Erika De Nardo a Storie Italiane. La giovane finita alle cronache per il delitto di Novi Ligure si è rifatta una vita e si è sposata. Maria Teresa Ruta, tra gli opinionisti in studio, esprime la sua opinione su un caso che sta continuando a fare discutere: «Come mamma non avrei avuto la forza di perdonarla come ha fatto il padre di Erika». L’uomo, infatti, non le ha mai voltato le spalle e l’ha aiutata nonostante 18 anni fa abbia ucciso la mamma e il fratellino.

1575317052885.JPG--maria_teresa_ruta_a_storie_italiane_su_erika_de_nardo_la_strage_di_novi_ligure___io_non_l_avrei_perdonata_

La donna, oggi adulta, a 16 anni sterminò la sua famiglia accoltellando 97 volte la mamma e 21 volte il fratellino con la complicità del suo fidanzatino dell’epoca Omar. Il padre, Francesco De Nardo, ha perso moglie e figlio in un solo giorno quel 21 febbraio del 2001, ma è riuscito a perdonare la figlia. Chi lo conosce e lo vede tutti i giorni mentre ritira la posta o va a fare la spesa spiega che non vive più in quella casa e che è una brava persona, incapace di nutrire rancore verso la sua stessa figlia.

Erika ha scontato dieci dei sedici anni ai quali è stata condannata in via definitiva nel 2003 dalla Corte di Cassazione, oltre ai mesi di affidamento alla Fondazione Exodus di don Antonio Mazzi. Quando è tornata libera si è rifatta una vita. In carcere si è prima diplomata come geometra, poi laureata in lettere.
Dopo la notizia del suo matrimonio si è aperto il dibattito e ci si è messi nei panni del papà. Diritto all’oblio e perdono sono le tematiche più discusse.

Maria Teresa Ruta è convinta che un orrore simile non si possa dimenticare. Buona parte dell’opinione pubblica la pensa come lei. Si può stimare chi è in grado di perdonare e non essere capaci di farlo. Il delitto di Novi Ligure continua a far discutere.

Erika De Nardo sposata, Maria Teresa Ruta a Storie Italiane: «Da mamma, non l’avrei perdonata»ultima modifica: 2019-12-02T21:54:02+01:00da george102

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.