Roberto Gervaso è morto, aveva 82 anni

Roberto Gervano è morto. Lo scrittore, autore di successo di numerosi libri è morto dopo una malattia, all’età di 82 anni in ospedale a Milano.

Roberto-Gervaso

Lascia la moglie Vittoria e la figlia Veronica, giornalista del Tg5. È stato anche un popolare personaggio della tv dove appariva sempre con il suo immancabile papillon ed è noto per i suoi aforismi.

Alberto Matano, paura alla Vita in Diretta: «Inviato e cameraman presi a calci e pugni»

Roberto Gervaso, è stato autore di successo di molti libri, in particolare biografie di celebri personaggi, e protagonista tra i primi della grande divulgazione storica in Italia.

roberto-gervaso (1)

Roberto Gervaso era nato a Roma il 9 luglio 1937. Ha studiato in Italia e negli Stati Uniti e si è laureato in lettere moderne, con una tesi sul filosofo Tommaso Campanella. Ha collaborato a quotidiani e periodici, alla radio e alla televisione, e per decenni si è dedicato alla divulgazione storica, sua grande passione, come testimoniano decine di libri pubblicati da Rizzoli, Bompiani e Mondadori. Gervaso inizia l’attività giornalistica nel 1960 al «Corriere della Sera», presentato da Montanelli. Tra il 1965 e il 1970 firma, insieme a Montanelli, i primi sei volumi della «Storia d’Italia» edita da Rizzoli, acquisendo grande notorietà.

Al Bano in crisi economica per il Coronavirus: «La situazione è critica. Non durerò un anno»

È Gervaso che cura con dettagliata precisione la scansione cronologica dell’Italia «dai secoli bui» del Medioevo a quella del Settecento illuminista e riformatore. Nel 1967, per uno di quei volumi, «L’Italia dei Comuni. Il Medio Evo dal 1000 al 1250», Gervaso e Montanelli vinceranno il Premio Bancarella. Gervaso è poi tornato a vincere da solo il suo secondo Premio Bancarella nel 1973 con la biografia «Cagliostro» (Rizzoli; nuova edizione con il titolo «Il grande mago. Vita, morte e miracoli del conte di Cagliostro»

Roberto Gervaso è morto, aveva 82 anniultima modifica: 2020-06-03T16:09:15+02:00da george102

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.