Da infermiera simbolo della lotta al coronavirus a modella. Ma Martina non lascia il camice

Da infermiera in prima linea contro il coronavirus a modella e testimonial della collezione DoDo dedicata all’Italia, ma Martina Bendetti non smette di indossare il camice per fronteggiare la seconda ondata della pandemia. Il suo viso, segnato letteralmente dalla mascherina, ha fatto il giro del mondo e conquistato persino le pagine del “Time”. A marzo l’infermiera 28enne dell’ospedale di Massa Carrara ha pubblicato quella che è diventata una foto simbolo dell’eroismo del personale sanitario e oggi posa per una campagna molto speciale sull’orgoglio italiano.

5547008_1013_martina_benedetti_infermiera_coronavirus_dodo_testimonial_oroglio_italiano

I TESTIMONIAL.  Martina aveva scattato il selfie dopo una durissima giornata di lavoro nel reparto di terapia intensiva e lo aveva pubblicato sui suoi social. La foto ha fatto rapidamente il giro del web ponendo l’attenzione sui sacrifici dei medici e degli infermieri. DoDo ha scelto lei come testimonial per una collezione, Italian Pride, nata proprio per celebrare l’orgoglio e il coraggio italiano. A dare volto al progetto ci sono anche Marco Bianchi, divulgatore scientifico e food mentor, Priscilla Gaya Petro, impegnata nella didattica e in progetti a sostegno dei bambini, Maria Vittoria Baravelli, curatrice d’arte, Beatrice Venezi, direttore d’orchestra, e Marianne Mirage, cantautrice.Tutti personaggi che stanno investendo nel ‘marchio’ Italia e si fanno interpreti di una nuova campagna dell’inclusività.

184458018-568961d0-71cf-4af0-aae4-77ce36150376

LA COLLEZIONE. La collezione DoDo include capsule di gioielli, charms a tema che andranno ad arricchire bracciali, collane e orecchini. I monili portano i colori della bandiera italiana. «Sono molto felice di questo nuovo progetto che rappresenta appieno lo spirito di DoDo» dice Sabina Belli, Ceo di DoDo, al Corriere della Sera «e racconta il desiderio di rinascita, la resilienza, l’orgoglio italiano attraverso la voce e la storia di persone autentiche, unite dal desiderio di comunicare e condividere la loro passione e le loro esperienze per permettere a tanti di progredire».

36422ba9-b8bb-43c8-a12a-b19131d461f3-kLkD-R0a4Ep9wGjHUM6gZ7Pj1vrK-656x492@Corriere-Web-Sezioni

Giulia De Lellis non ha fatto le corna a Damante, ma con Carlo…

ORGOGLIO ITALIANO. L’esperienza di Martina ricorda quella di Alessia Bonari, l’infermiera che ha sfilato sul red carpet del Festival del Cinema di Venezia in rappresentanza di tutti quei medici e infermieri che hanno combattuto contro il Covid-19 nei reparti e nelle corsie degli ospedali. Ora la situazione sta degenerando nuovamente e Martina in un’intervista al Tirreno parla delle nuove pressioni: «La consapevolezza di cosa ci aspetta dal punto di vista prettamente pratico e clinico ci aiuta. Dal punto di vista psicologico e umano personalmente mi annienta».

Da infermiera simbolo della lotta al coronavirus a modella. Ma Martina non lascia il camiceultima modifica: 2020-10-26T15:41:47+01:00da george102

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.