Brumotti aggredito dagli spacciatori, Chef Rubio lo attacca: «Infame, troppe poche te n’hanno date»

L’inviato di Striscia la Notizia Vittorio Brumotti è stato aggredito qualche giorno fa nel quartiere Quarticciolo dove stava documentando lo spaccio di droga: non certo la prima volta che a Brumotti accade qualcosa del genere, dato che ci sono parecchi precedenti analoghi in giro per l’Italia. Stavolta però c’è qualcuno che lo ha pesantemente criticato: parliamo di Chef Rubio, che su Twitter si è espresso contro l’inviato del tg satirico di Canale 5, scatenando il dibattito.

Rubio-Brumotti-

Sul suo profilo, Rubio scrive: «Non sapete nulla del core immenso del Quarticciolo, voi giornalisti da strapazzo vi dovreste vergognare per la propaganda infame che riservate a chi è abbandonato dallo Stato, e resiste nonostante tutto con dignità e umanità. Brumotti sei un infame – conclude – troppe poche te n’hanno date». Parole che gli sono costate critiche e attacchi anche dal mondo politico, con Giorgia Meloni che lo ha definito «vergognoso. E lui ribatte: «Se faceste il vostro, lo spaccio in periferia e nei quartieri abbandonati dalle istituzioni non sarebbe necessario. Vacce al Quarticciolo invece de sta sui social».

Infine, a Dj Ringo che solidarizza con Brumotti affermando che «è brutto leggere Chef Rubio inneggiare violenza», risponde: «Dove sta l’inneggio? C’è il rammarico semmai che tutte le pizze che ha preso negli anni (un po’ gli piace, se no non si spiega) non gli siano servite ad imparare la lezione». E per chiudere in bellezza, dà a RIngo dell’«analfabeta funzionale». L’argomento è finito rapidamente in tendenza su Twitter, con migliaia di utenti che hanno commentato, dividendosi tra chi gli dà ragione e chi lo attacca.

Brumotti aggredito dagli spacciatori, Chef Rubio lo attacca: «Infame, troppe poche te n’hanno date»ultima modifica: 2021-04-22T19:18:11+02:00da george102

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.