Verissimo, Rudy Zerbi: «A 30 anni ho scoperto chi era il mio vero padre, ma Giorgio mi ha cresciuto come se fossi suo figlio»

Ospite di Silvia Toffanin  Verissimo c’è stato un Rudy Zerbi senza maschere. Si è tolto i ruoli dell’insegnante severo, che veste benissimo ad Amici, per raccontarsi senza veli. L’ex produttore Sony, ormai ospite fisso al Maurizio Costanzo Show, ha una famiglia molto particolare: quattro figli (tutti maschi), da 3 compagne diverse, e dopo 3 anni di «cuore surgelato, forse, ma forse, sta accadendo qualcosa. Non lo dico con altri dettagli, perché sono scaramantico. Sto ricominciando a sentire le farfalline, vediamo come va a finire». Rudy di fronte all’amore non riesce a dire di no.

Rudy-Zerbi-e-fidanzato-La-sua-verita-a-Verissimo

Verissimo, l’intervista a Rudy Zerbi
Ma come riesce a conciliare lavoro e famiglia allargata? Questo è quello che si chiede Silvia Toffanin, ma questo è quello che ci chiediamo anche noi comuni mortali. «La gioia meravigliosa è usare tutto il tempo che ho a disposizione per farli stare insieme, per farli stare uniti. Siamo una grande famiglia allargata. In questi giorni sai qual è il tema principale? C’è una chat nuova che è la cena e il pranzo di famiglia. Farò un Natale in treno riunendo pezzi di famiglia. Abbiamo deciso che festeggeremo tutti insieme a Bologna, e poi con una capatina a Santa Maria Ligure a trovare la nonna».

Il ruolo di genitore
Un ruolo molto delicato quello di genitore, per il prof tanto temuto del programma di Maria De Filippi, soprattutto per lui che ha un passato molto difficile: «Quando sei figlio a tua volta in una situazione molto delicata, poi sei sempre alla rincorsa di dare qualcosa a loro di quello che non sei riuscito ad avere tu. Tutti vorremmo essere il miglior papà, la miglior mamma, senza renderci conto che in realtà i nostri figli ci amano così come siamo, imperfetti».

La scoperta che gli cambiò la vita
Rudy ha alle spalle una storia abbastanza dolorosa. All’eta di 30 anni venne a sapere che il suo padre naturale è Davide Mengacci anche lui conduttore televisivo. Fu la mamma Luciana Coi, affetta da un tumore per cui temeva di perdere la vita (che invece è riuscita a sconfiggere), decise di rivelargli la verità mostrandogli Mengacci in televisione. Uno choc per Zerbi che lo portà a non riuscire a parlare per 12 giorni. Padre e figlio si sono conosciuti soltanto il 3 marzo 2001, ad una festa a cui era stato invitato da Mara Carfagna.

Il ricordo di Giorgio
Ma oggi Rudy ha voluto parlare di Giorgio, il padre non biologico, che lo ha cresciuto «con l’amore e l’attenzione di un figlio suo». Il riferimento è a Giorgio Ciana, «l’uomo che ha avuto la forza di prendere due figli non suoi e crescerli con amore e attenzione come se fossero suoi». Su di lui ha aggiunto: «Io a questa cosa do un valore enorme. A volte certe lezioni, certe parole, certe cose che quando sei ragazzino non capisci o ti fanno male, poi pian piano le capisci. Io oggi vorrei tanto poter averlo ancora che mi dice di pensare. Ma non c’è più purtroppo».

Gli insegnamenti più importanti che ha avuto dall’uomo sono stati due: innanzitutto che «i figli sono di chi li cresce e non di chi li fa». E inoltre: «In questi tempi così violenti è facile giudicare, puntare il dito, aggredire, anche verbalmente, però io consiglio a tutti, l’ho imparato tardi, prima di giudicare cercate di capire cosa c’è dietro tutto quello che vedete perché c’è un mondo e non è un mondo facile».

Davide Mengacci il padre biologico
Molti retroscena sul padre biologico a Rudy li ha confidati Gerry Scotti (ospite in collegamento): «Lui è sempre stato molto caro e attento. Poi devo dire una cosa che non ha detto: tante cose che io non ho vissuto di mio padre biologico me le ha raccontate lui, perché sono amici da tanti anni. Questa cosa me lo ha reso subito molto vicino, è un amico vero».

I 3 papà di Rudy
E se è vero che i figli sono di chi li cresce vediamo per il prof. sono stati importanti soprattutto Roberto Zerbi e poi Giorgio Ciana. Il primo è l’uomo che lo ha cresciuto e riconosciutoe dandogli il proprio cognome dopo aver sposato suo madre (che da lui avrà poi anche Stefano), mentre l’altro cominciò a prendersi cura di lui dall’età di tre anni; Ciana, albergatore di Santa Margherita Ligure, è venuto a mancare nel marzo 2018.

Verissimo, Rudy Zerbi: «A 30 anni ho scoperto chi era il mio vero padre, ma Giorgio mi ha cresciuto come se fossi suo figlio»ultima modifica: 2022-12-05T10:46:43+01:00da george102