Flavio Insinna verso L’Eredità al posto di Frizzi: «Spaccatura in Rai, ecco perché»

3718164_1623_insinna_frizziFlavio Insinna potrebbe tornare alla Rai, dopo lo ‘scandalo’ o presunto tale legato a quando conduceva Affari tuoi e fu preso di mira da Striscia la notizia per via dei modi, e delle risposte, un po’ aggressive verso una concorrente. Nel mirino dell’attore ci sarebbe infatti L’Eredità, il quiz condotto fino a poche settimane fa da Fabrizio Frizzi, prima della sua tragica scomparsa.
Secondo quanto riferisce Giuseppe Candela su Dagospia (che aveva già anticipato la notizia pochi giorni fa), la ‘candidatura’ di Insinna non sarebbe passata inosservata in Rai: nel servizio pubblico, scrive, il conduttore è «da molti considerato come l’anti-Frizzi per modi e stile televisivo», e sulla questione sarebbero arrivati «molti pareri negativi: da Rai Pubblicità ad alcuni membri del Cda Rai e non solo. Orfeo e Teodoli, il cui rapporto è sempre più simbiotico, però sarebbero decisi a proseguire per la propria strada».
A fine maggio Carlo Conti, attualmente al timone de L’Eredità, lascerà e a sostituirlo, non è ancora chiaro se già da giugno o se dopo l’estate, potrebbe essere dunque Insinna, reduce sia dagli attacchi di Striscia, sia da risultati poco esaltanti dal punto di vista degli ascolti per quanto riguarda le sue ultime trasmissioni.
Dagospia ricorda anche un altro episodio, citato dalla giornalista Tiziana Lupi di Avvenire, che ha raccontato di come Frizzi gli avesse confidato che un collega stava tentando di soffiargli proprio L’Eredità, o di condividerla con lui, prima della malattia. «Era molto arrabbiato, ma non per il programma, quanto perché quell’azione veniva da qualcuno che si professava suo amico». Nessun riferimento a Insinna, ma il dubbio, almeno per Dagospia, nasce spontaneo.

Flavio Insinna verso L’Eredità al posto di Frizzi: «Spaccatura in Rai, ecco perché»ultima modifica: 2018-05-08T20:52:58+02:00da manuela_man27

One thought on “Flavio Insinna verso L’Eredità al posto di Frizzi: «Spaccatura in Rai, ecco perché»

Lascia un commento