Medico rischia l’espulsione dall’ordine per aver chiesto ad una paziente di religione islamica di togliersi il velo

Share on FacebookShare on TwitterPin it on PinterestSubmit to redditShare on Tumblr

4515208_1824_niqab

Un medico rischia l’espulsione dall’ordine per aver chiesto alla mamma ad una sua paziente di religione islamica di levarsi il velo, il niqab, per poter comunicare meglio con lei e farsi spiegare in maniera migliore quali fossero i suoi sintomi. In difesa di questo dottore sono state raccolte oltre 60mila firme online.

Succede in Inghilterra, dove il dott. Keith Wolverson rischia di dover abbandonare la professione. Infatti il marito della paziente, dopo il racconto della moglie, si è lamentato con i dirigente del Royal Stoke University Hospital, per la richiesta “maleducata” del dototre.

Il dottore Keith Wolverson dice che ha detto alla donna di togliersi il suo niqab in modo che potesse sentirla descrivere cosa c’era che non andava in lei, ma ora ammette di aver paura delle conseguenze di quanto accaduto, soprattutto dopo aver appreso di essere stato segnalato al General Medical Council (GMC) e di essere sotto indagine per discriminazione razziale.

Parlando dell’incidente, il 52enne di Derby ha dichiarato: «Ho chiesto a una signora di rimuovere il velo del suo volto per una comunicazione adeguata, nello stesso modo in cui avrei potuto chiedere a un motociclista di rimuovere un casco».

Il creatore della petizione, intitolato “Stop al licenziamento del Dr Wolverson”, ha scritto: «Vorrei ottenere il maggior numero possibile di firmare questa petizione è salvare la reputazione di quest’uomo. Dobbiamo fare in modo che il Consiglio Medico Generale tratti correttamente quest’uomo e guardi con attenzione tutte le prove».

Medico rischia l’espulsione dall’ordine per aver chiesto ad una paziente di religione islamica di togliersi il veloultima modifica: 2019-05-27T16:01:47+02:00da denisamariutei97

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).