KAPALASANA

La posizione di cui parliamo oggi è Kapalasana, un’altra inversione molto simile, nella preparazione e nei benefici, al re degli asana: Sirsasana.

 

Stampa

Il nome “Kapalasana” deriva da KAPAL che vuol dire “teschio, cranio” e come sempre ASANA che sta per “posizione”.

Le posizioni capovolte, oltre ad avere benefici strettamente fisici poichè invertono il flusso del sangue e della linfa che scorre nel nostro corpo, hanno un’importanza e anche per gli aspetti più profondi e più psicologici di noi stessi. Come abbiamo visto per Sirsasana con le posizioni capovolte affrontiamo la paura di capovolgere il nostro centro di stabilità ( i piedi) ed il modo di vedere il mondo da un’altra prospettiva.

Il mondo a testa in giù è il rovescio della medaglia.

In questo asana, soltanto la parte superiore della testa e le mani dovrebbero toccare terra.

I benefici di questa posizione sono simili a ciò che abbiamo visto per Sirsasana e sono ottimali in questo periodo di Krya relativo alla primavera:

Rinforza il collo, la colonna vertebrale, le braccia e le spalle. Il ritorno al cuore del sangue venoso è favorito dalla gravità e il cuore può rilassarsi.

Decongestiona  le gambe, la vescica, gli organi genitali. Aiuta a guarire le varici e le emorroidi.

E’ un ottimo rimedio contro la cefalea, l’insonnia, l’obesità. Migliora il senso dell’equilibrio. Ha un potente effetto antifatica e antidepressione.

L’energia scende verso i centri alti per effetto della gravità.

Il Chakra stimolato è l’Ajna Chakra.

KAPALASANAultima modifica: 2021-04-21T11:47:02+02:00da almacondomini

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.