Studentessa cacciata da scuola per “abbigliamento inappropriato”: «Può far sentire a disagio l’insegnante uomo». Ma ha un dolcevita

Share on TwitterShare via emailShare on LinkedInPin it on PinterestSubmit to redditShare on Tumblr

Cacciata da scuola a 17 anni per l’outfit. Karis Wilson, della città canadese di Kamloops, British Columbia, ha denunciato l’accaduto sui social sottolineando di essere stata sospesa per abbigliamento «inappropriato» e perché avrebbe «fatto sentire l’insegnante a disagio». In molti hanno provato a difenderla constatando che non c’è nulla di troppo scollato o inadeguato. Il look incriminato è rappresentato da un vestito nero sopra un dolcevita bianco che ricorderebbe un capo di lingerie. La foto è finita sul web.

24328425_web1_Kamloops-teen-dress1

Come riporta il Mirror, a Karis Wilson è stato detto che i suoi vestiti ricordavano un completo di lingerie e questo poteva far sentire a disagio un insegnante o uno studente maschio. Il padre della ragazza ha reagito criticando le decisioni dell’istituto. Christopher Wilson ha detto che sua figlia Karis è tornata a casa in lacrime dopo che le è stato detto che i suoi vestiti potevano far sentire “a disagio” un insegnante uomo.

L’abito nero arriva al ginocchio e ha delle finiture in pizzo che ricordano un capo intimo, mentre il dolcevita sotto ha le maniche lunghe. Intanto, dalla scuola continuano ad affermare che la studentessa ha violato il codice di abbigliamento. Intanto, i compagni di classe di Karis hanno organizzato uno sciopero il giorno seguente per mostrarle sostegno. La video-denuncia su Facebook è diventata virale con oltre 75mila visualizzazioni.

 

Studentessa cacciata da scuola per “abbigliamento inappropriato”: «Può far sentire a disagio l’insegnante uomo». Ma ha un dolcevitaultima modifica: 2021-02-27T10:46:40+01:00da denisamariutei97
Share on TwitterShare via emailShare on LinkedInPin it on PinterestSubmit to redditShare on Tumblr

One thought on “Studentessa cacciata da scuola per “abbigliamento inappropriato”: «Può far sentire a disagio l’insegnante uomo». Ma ha un dolcevita

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.