Odio gli uomini (anche se ne ho sposato uno)

Odio gli uomini» è ormai la Bibbia femminista ma il successo è decollato grazie ad un uomo

Odio gli uomini è un libro di Pauline Harmange che ha diviso la Francia. Per la dichiarazione di intenti già presente nel titolo, ovviamente, ma anche perché i più reazionari hanno riscontrato nell’autrice un modo di pensare che da sempre appartiene agli uomini violenti. Ovvero quell’attitudine malata di rapportarsi a terzi con rabbia, astio e per l’appunto odio.

Ma Harmange, che pure ha sposato un uomo e dice di amarlo ancora, va dritta per la sua strada, e spiega:

E se la misandria fosse necessaria, o addirittura salutare? Capisco cosa ci spinge a negarla. Essere additata, considerata un’orribile estremista che odia gli uomini è una cosa che spaventa. Dopotutto, migliaia di donne sono finite sul rogo per molto meno. Confesso: io odio gli uomini. Ma proprio tutti? Sì, tutti. A priori ne ho un’opinione molto bassa“.

Provocatoria la 26enne francese, quando lascia passare il messaggio che ora tocca agli uomini temere la rabbia femminile:

Ho scoperto la rabbia solo molto tempo dopo, quando sono diventata femminista. Ho capito che spesso ciò che mi faceva piangere avrebbe dovuto farmi urlare e che quando in un conflitto versavo lacrime di tristezza per via di un’ingiustizia, in qualche modo mi stavo già rassegnando a perdere. Così, per il mio bene, sono cambiata, ho imparato a replicare. Ovviamente, da quando ho cominciato ad arrabbiarmi, mi viene rinfacciato“.

Ragazze, non seguite l’esempio di Pauline. L’odio non produce mai nulla di buono.

In foto Pauline Harmange

Odio gli uomini (anche se ne ho sposato uno)ultima modifica: 2021-03-02T12:43:57+01:00da VIOLA_DIMARZO
  1. Anche il pelo è un tabù Viola di Marzo:):) e come tale provocante…quello poi è pelo d’angelo vista l’ancora “tenera” età della Pauline, quando diventerà irto nero e madido di sudore lo toglierà (?), salvo poi scoprire ad un punto che non crescerà più, con beata approvazione di ogni donna e tuttavia l’inizio della fine, come per quel ciclo tabù tanto discusso…quanto al contenuto del messaggio: imparare a replicare è fondamentale ma concordo, senza scomodare l’odio. Le discussioni coi maschi sono così interessanti !

    • So bene che per affrancarsi da certi stereotipi l’ascella pelosa non dovrebbe costituire più motivo di vergogna o imbarazzo, ma, ammettiamolo, è visivamente insostenibile! tra l’altro io non sopporto neppure l’ascella maschile in quelle condizioni, e già temo l’arrivo dell’estate, quando i maschietti torneranno a farne mostra 🙂

Lascia un commento