Se il bacio non è consensuale non è vero amore

La giostra di Biancaneve? E' sessista: "Il bacio del principe non è consensuale" | Il Primato Nazionale

È ufficiale, l’ossessione per il politically correct sta facendo impazzire il mondo. Disneyland California è stata investita da un’ondata di polemiche che definire grottesche è poco. Oggetto delle critiche della stampa americana la nuova attrazione, Snow White’s Scary Adventure, un parco giochi interattivo dedicato a Biancaneve . Il San Francisco Gate ha lanciato il suo anatema con le parole: “Un bacio può essere di vero amore solo se una persona sa che sta succedendo”. E poi, incurante del senso del ridicolo, ha pure spiegato:

Non siamo già d’accordo sul fatto che il consenso nei primi film Disney sia una questione importante? Che insegnare ai bambini a baciarsi, quando non è stato stabilito se entrambe le parti sono disposte a impegnarsi, non va bene? È difficile capire perché la Disneyland del 2021 scelga di aggiungere una scena con idee così antiquate su ciò che un uomo può fare a una donna, soprattutto considerando l’attuale enfasi della società sulla rimozione di scene problematiche da giostre come Jungle Cruise e Splash Montagna. Perché non reimmaginare un finale in linea con lo spirito del film e il posto di Biancaneve nel canone Disney?”

Ora, se in base alla sensibilità contemporanea possiamo trovare legittime le perplessità per le rappresentazioni ambigue di popolazioni indigene presenti in Jungle Cruise, sulla discutibilità del  bacio che il principe posa sulle labbra della bella dormiente ci sarebbe di che sbellicarsi dalle risate, se non fosse tutto così dannatamente idiota. Ma cosa c’è di più bello di un bacio ricevuto all’improvviso, senza motivo, un bacio che vuole solo esprimere un sentimento d’amore o di affetto? Quando la smetteremo di vedere il marcio in ogni cosa, e di usare i bambini a pretesto di ciò che le nostre menti adulte non recepiscono più correttamente?

Se il bacio non è consensuale non è vero amoreultima modifica: 2021-05-05T09:05:43+02:00da VIOLA_DIMARZO
  1. 1) cito sempre le fonti
    2) tutte le polemiche intorno al politicamente corretto non mi sembrano “cazzate” perché, se a molti sfugge, a me sembra che questo bisogno di inquadrare ogni argomento in una cornice di ortodossia (quale ortodossia, poi?) stia spianando la strada alla censura.

  2. Per una volta taglio corto, questa faccenda la ridurrei a Manifesto sull’idiozia del politically correct. Preferisco rispondere al sondaggio che poni sul “Cosa c’è di più bello in un bacio ricevuto all’improvviso?”: la lingua.
    Invece questo tuo commento meriterebbe un bacio, ma sarebbe politically incorrect, quindi una standing ovation:
    “tutte le polemiche intorno al politicamente corretto non mi sembrano “cazzate” perché, se a molti sfugge, a me sembra che questo bisogno di inquadrare ogni argomento in una cornice di ortodossia (quale ortodossia, poi?) stia spianando la strada alla censura”.

  3. Forse c entra poco.con il tuo post…sonno e consenso…ho da poco letto un libro..
    ” il caso Bramard”…dove si riporta una opera di uno scrittore giapponese in cui si parla della pratica …a quanto pare…diffusa nel paese del sol Levante…di uomini che pagano per dormire accanto a giovanissime donne addormentate…alla Biancaneve è andata bene…

Lascia un commento