“Sono rimasto chiuso in casa due anni per salvare gli anziani, che oggi mi ripagano votando Meloni e Salvini”

Fratelli d'Italia:non sono stati gli anziani a farlo vincere | Wired Italia

Dal sito WiredItalia apprendo che all’indomani della vittoria di Fratelli d’Italia, il tormentone social più gettonato è stato:

“Sono rimasto chiuso in casa due anni per salvare gli anziani, che oggi mi ripagano votando Meloni e Salvini”.

Capostipite involontaria (?) di questa ventata di sdegno, l’influencer trentacinquenne  Giulia Torelli, alias rockandfiocc, la quale ha commentato:

“Perché i vecchi hanno il diritto di voto? Perché? L’hanno già esercitato nella loro lunga, lunghissima vita. Basta, basta votare. Non sanno niente, non hanno idea, quello che sanno lo vedono al tg. Non sanno neanche loro quello che stanno facendo. E poi succedono queste cose. I vecchi non devono fare niente, tantomeno votare. In casa devono stare fermi, fermi immobili con quelle mani“.

Dire che dovrebbe vergognarsi è poco, e non trovo neppure uno straccio di aggettivo per definire questa illustre sconosciuta. Per carità cristiana le auguro di avere, un giorno, i capelli bianchi che ora tanto disprezza. Anche se in realtà meriterebbe che il suo nome fosse gettato alle ortiche.

230mila follower su Instagram!

 
Questa tizia, Giulia Torelli, molto amata dalla Milano della moda, celebrata da Vanity fair, ha 35 anni. Nella vita, lavoratrice indefessa, riorganizza gli armadi altrui per lavoro. Mi si strappa il cuore nel dirlo, ma questa è una parte rilevante della Milano che si sente pure di sinistra. Dai su Mrs Stachanov, accetta la sfida: vi sedete in poltrona tu e mio padre, 88 anni. Vediamo chi dei due sa qualcosa della vita, della storia, della politica. Ti aspetto a casa, così magari mi sistemi pure l’armadio che c’è il cambio stagione. E magari diglielo in faccia che ti provoca fastidio questa cosa che sia così attaccato alla vita e non abbia voglia di crepare. Fessa“. Selvaggia Lucarelli
A questo punto la inviterei pure a casa mia per farle conoscere mio padre, 93 anni. Col carattere che si ritrova, gli basterebbe una sola frase per incenerirla.
“Sono rimasto chiuso in casa due anni per salvare gli anziani, che oggi mi ripagano votando Meloni e Salvini”ultima modifica: 2022-09-28T20:59:18+02:00da VIOLA_DIMARZO

9 pensieri riguardo ““Sono rimasto chiuso in casa due anni per salvare gli anziani, che oggi mi ripagano votando Meloni e Salvini””

  1. Tanta amarezza e compassione per questa signora, che accattona denaro disprezzando le persone vecchie. Non posso che augurarle, oramai ha 35 anni, di trovarsi un vecchio miliardario, se ci riesce, perché il tempo per lei, non penso sarà clemente..presto arriverà quello che sta seminando: vento! Il passo sarà fulmineo, raccoglierà a piene mani tempesta.

  2. —E’ la Milano da bere e dabbene, quella degli aperitivi, del lavoro indefesso, del lavoro sul nulla , del voto al Pd, la Milano (ed il mondo) di quelli che si sentono culturalmente avanzati, superiori alla massa e pure esigono la massa seguirli come nuovi messia o almeno guru della vita …. Il mondo che si affianca e tifa per chi non ha mai prodotto un euro di valore aggiunto e ci ha mai pagato le tasse sopra, il mondo dei bonus monopattino e dei superbonus , dei life coach, dei personal trainer, dei culi rifatti …il mondo della sinistra che chiamano radical chic —-troppo buoni signori— il mondo che ha da tempo travalicato la soglia del ridicolo ed attende solo che un bambino urli che il re e’ nudo (ai vecchi non credono, non gli conviene ) —– Il re e’ nudo e questi sono i suoi divertenti profeti. 🙂

  3. Questa fetta di società è immorale, mi disgusta, mi toglie il fiato…all’imbecille in questione andrebbe ricordato che sono tanti anziani e vecchi pensionati il sostegno economico, seppur minimo, delle famiglie dei loro figli…ma lei che ne sa, è tanto intelligente da saper solo riordinare armadi…se ci pensi è pazzesco, ma davvero mettere in ordine ora è un’arte?

    1. Rimango distaccato dalla pochezza di costoro e dal loro modo di esistere. Una confidenza (pubblica) Ho in cantiere una importante commessa su Milano (quella Milano !) ed in queste settimane sto toccando con mano e direttamente il rapporto con clienti ‘glamour’ , chiacchiere a vuoto e niente sostanza..l’apparire innanzitutto, ed apparire ”avanti agli altri ” innanzi all’innanzitutto….. Per mia sadica soddisfazione gli sto conteggiando sovrapprezzi per modifiche e argomenti che ad un povero diavolo potrei regalare come sconto sul costo , ma a questa Milano radical chic no…chi non merita … … e sapessi che cattivi pagatori sono questi influencer ed influenzati …ahahahaha ridicoli… Ciao Viola facciamoci una risata che fa buon sangue…un brindisi alla salute da un Vecchio amico

        1. Mi unisco al vostro brindisi e faccio i miei complimenti a questo signore che vuole fare soldi sulla Milano da Bere, come dicevano ai tempi di Craxi. Chi ha tanti anni come me, ha vissuto, dal fascismo ad ora, tutta l’Italia, dal suo fiorire per l’operosità degli Italiani di quel tempo fino alla sua ormai decadenza , non solo economica, ma soprattutto morale, non può fare a meno di avere pochissima simpatia per questi geni, secondo il giudizio di persone, che altro sono che l’espressione della nullità intellettuale in cui è precipitato il nostro paese che campa, e anche bene ,di semplice apparenza. Questi influencer sono la dimostrazione di come sia facile oggi fare breccia, diventare famosi vendendo ignoranza e cattiveria a coloro che sono anche disposti ad applaudire. La vecchiaia ai nostri giorni ha un pregio enorme, quello di non farci rimpiangere per niente il mondo che lasceremo quanto prima, col futuro in mano a questa gioventù senza arte nè parte.

  4. Bisognerebbe chiederlo all’influencer, ma presumibilmente si riferiva alla persone dai 70 anni in su. (per quanto mi riguarda, nessuna delusione giustifica castronerie o cattiverie di sorta)

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).