Le coop di Soumahoro come il reddito di cittadinanza, un fallimento

Una legge contro Meloni. Il piano di Pd e Conte, che tentano Salvini... - Affaritaliani.it

I danni provocati dalla parabola discendente di Soumahoro  non hanno solo valenza giuridica, ma sedimentano profonda sfiducia in coloro che a certe icone in grado di cambiare una piccola parte del mondo c’hanno creduto. Va da sé che quando quelle stesse persone sentiranno che altri fondi sono stati destinati a nuove coop, non andranno in brodo di giuggiole, con somma contentezza dei più disincantati che nelle opere di bene fine a se stesse non ci credono per partito preso. Ora, a me il nesso con l’avversione di tanti per l’erogazione del Reddito di cittadinanza pare evidente: in Italia vengono distribuiti soldi come se piovesse, ma mai nessuno a controllare: Soumahoro non ha controllato moglie e suocera (bisogna essere garantisti e credere a quanto affermato dal deputato autosospesosi), le quali non sono state controllate neppure dai benefattori di stato; la stessa cosa è avvenuta per il Reddito di cittadinanza, finito tra le grinfie di chi con quei soldi al massimo grattava i biglietti della fortuna ma di certo non ci campava, avendo già tanto di suo. E neppure mi pare un caso, stando a quanto riportato da Virgilio.it, che se si votasse oggi il primo partito sarebbe ancora quello di Giorgia Meloni che “cresce di 0,3 punti percentuali e passa al 29,2%”, seguito dal “Movimento 5 Stelle guidato da Giuseppe Conte, che passa al 17,4%, con un aumento di 0,5 punti percentuali”. Quindi al primo posto chi cerca di tappare le falle di una nave a un passo dal naufragio con a bordo circa 59 milioni di passeggeri, e al secondo chi vorrebbe che continuasse a imbarcare acqua (perché mi viene in mente Schettino?). Va da sé che il Reddito o qualsiasi altra forma di sostegno ai poveri deve restare una priorità dello Stato, ma non con le modalità finora seguite.

P.S. Panfilo e Spalmieros, che ve ne pare di Giuseppi in questa foto? Ho scelto bene?

Le coop di Soumahoro come il reddito di cittadinanza, un fallimentoultima modifica: 2022-11-25T12:29:04+01:00da VIOLA_DIMARZO

18 pensieri riguardo “Le coop di Soumahoro come il reddito di cittadinanza, un fallimento”

  1. Hai scelto bene e Bruno sara’ contento di vedere il suo idolo ben ritratto con la mascella volitiva ed il piglio deciso alla Macron. Il piglio…hehe . Un principino d’altri tempi fosse solo capace d’altro che di sputtanare il denaro dei contribuenti in cambio di voti…Il principe dei parassiti e l’idolo dei truffaldini e questo a Bruno non piacera’. Sincerely Sorry 🙂

    1. Certo che non piacerà. Giuseppe Conte è ben altro. Oltre ad essere – come ho già detto tante volte – un gran signore, un UNICUM nello scenario desolante della attuale politica italiana, è anche persona schiva che non vuole assolutamente SPUTTANARE il denaro dei contribuenti in cambio di voti. Dovrebbe, poi, spiegarmi Panfilo perchè sarebbe il principe dei parassiti, dato che è sempre stato molto attivo, e sempre per il bene della collettività e l’idolo dei truffaldini, espressione da QUERELA, atteso che non mi ritengo – io che sono un accanito sostenitore di Conte – ASSOLUTAMENTE un TRUFFALDINO. Forse il COMMENTO di Panfilo non meritava alcuna risposta ma non ho saputo trattenermi.

    1. D’accordo, truffaldino non era rivolto a me. Istituire un reddito di cittadinanza per aiutare chi viveva di stenti o quasi, rispondeva a criteri di alta giustizia ed umanità. Se poi gli italiani per loro natura sono IMBROGLIONI, di certo non se ne può dare colpa a CONTE. Trovo, comunque, strano, che abbia risposto tu, Viola, e non Panfilo.

  2. Bruno, però nel sistema qualcosa non torna, e comunque non possiamo più permetterci di scialacquare, ma quello che mi dispiace è che ora c’è il rischio che a pagare siano persone perbene che avrebbero ogni diritto a percepire il Reddito. Quanto a Panfilo, non sempre siamo online tutti alla stessa ora.

  3. Vedi Bruno, al di la’ di essere signori o mendicanti , chi si prende in spalla il diritto \ dovere di governare necessariamente si addossa la responsabilita’ di cio’ che fa, visti i fatti la situazione e le prospettive. Conte e’ un incapace per il fatto che pur ben consigliato non ha previsto che il reddito ed i vari bonus sarebbero stati sfruttati dai furbi disonesti e non da chi ne aveva necessita’, e una volta visto il danno non ha provveduto per tempo. Il denaro pagato allo stato dai contribuenti sarebbe stato sperperato a fiumi in abusi e truffe e questo e’ puntualmente successo (30 miliardi di buco nel 2022) .Non essere capaci e’ una colpa? Si lo e’, ed e’ una colpa assai grave se sei il presidente del consiglio o se conduci una qualsiasi impresa commerciale od organizzazione od ufficio. Non mi pare difficile da capire, mi pare difficile da confutare.

  4. Suggerisco di abolire pure le pensioni di invalidità perché ci sono un sacco di falsi invalidi. E, già che ci siamo, aboliamo anche i finanziamenti pubblici alle imprese, visto ci sono un sacco di finte imprese.

    1. Assolutamente non condivido. Il vero invalido non può essere privato della pensione, che è un suo diritto avere, a causa degli insufficienti o nulli controlli dello Stato che ben potrebbe fare. Non si può fare prevalere l’illegalità.

  5. appunto, perché il Giuseppi (Conte), con quel fare da comunista di origini borghesi, ricorda proprio Ma(r)x…. O almeno così lo hanno ribattezzato alcune testate giornalistiche, Foglio in primis!

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).