Il nostro fantasma

Many faces of Decay

In ogni vecchia casa che si rispetti, fantasmi e spiriti protettivi dimorano tra stanze e cantine e la loro presenza, che è fisica e metafisica al contempo, non sfugge a chi con loro coabita. Che si sia proprietari o semplici affittuari, nelle case infestate si impara presto ad avere dimestichezza con l’idea della morte, e si finisce col rimaneggiarla tanto a lungo da poterne sentire, sotto i polpastrelli, gli orli tarlati odorosi di senescenza. Ora, se solo riuscissimo a farci forza, qualora se ne presentasse l’occasione, potremmo osservare da vicino il trascolorare di quei giorni, scoprendo che la nostra vita, col suo delirio di illusorietà, ci ha ingannati; se ci pensiamo bene, tutti abbiamo fatto esperienza degli aneliti di demiurgica compassione che la stessa ci ha propinato attraverso dizionari di allegorie affinché potessimo capire il senso ultimo; ma come accade al cospetto di un quadro di surrealismo onirico, pochissimi tra noi possono dire di aver sciolto l’enigma.

Il nostro fantasmaultima modifica: 2020-08-06T17:05:07+02:00da RunaLudmilla

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.