Recensione “Volevo essere una gatta morta” di Chiara Moscardelli

Avete presente Bridget Jones, pasticciona ma capace di avere un happy ending? O le strafighe protagoniste di Sex and the city, sempre impegnate in avventure amorose? Bene, ora che sapete di cosa parlo metteteli da parte, perché Chiara, la voce narrante di questo libro, nonché protagonista, è tutt’altra cosa.

"Volevo essere una gatta morta"

“Volevo essere una gatta morta”

Volevo essere una gatta morta” di Chiara Moscardelli non è un semplice romanzo divertente che racconta qualcosa di irreale: è una sorta di manuale per sopravvivere nella giungla delle scelte sbagliate che si fanno nella vita. Soprattutto in quella sentimentale. Passo dopo passo, raccontando di sé e mettendo a nudo una vita imperfetta ma vera, l’autrice stila una serie di nozioni che hanno fatto sì che il mondo femminile si divida in “gatte morte” e tutto il resto. E Chiara, con la sua ricerca del principe azzurro, fa parte del secondo gruppo.

Nei miei sogni c’era sempre il lieto fine, altrimenti che razza di sogni sarebbe stato?”

Alla lunga, però, le aspettative lasciano il posto alle delusioni, soprattutto quando molte di noi diventano le amiche dei ragazzi che si vorrebbe conquistare e tu, ma in modo particolare Chiara, ti domandi il perché. Cosa si sbaglia nell’approcciarsi agli altri? Cosa si dovrebbe fare per non essere sì simpatica ma nemmeno presa in considerazione per una storia seria? Chiara Moscardelli cerca di dare la sua interpretazione partendo da un’operazione in ospedale: la frase “Perché gatta morta si nasce, non si diventa” riassume molto bene il suo pensiero.

Lei ne è sicura: è stata la sua smania di essere sempre attenta all’uomo di turno, di non apparire pesante o con aspettative che l’ha fregata. Mentre, dall’altra parte, molte donne –le famose gatte morte- hanno un’altra strategia. La gatta morta, rivela l’autrice, è una sorta di donnina dell’ottocento piena di riservatezza, quasi troppo moralista e che fa la misteriosa. Niente a che vedere con la Chiara del romanzo, alle prese con una vita che le va stretta in tutti sensi.

“Volevo essere una gatta morta” è un libro che si legge con il sorriso sulle labbra. Pagina dopo pagina non puoi che sentirti come uno dei tanti amici della protagonista alle prese con avventure quotidiane al limite del vero. Ho sorriso, ho riso, ho annuito felice mentre lo leggevo, dicendomi che questa Chiara Moscardelli ha scoperto il vero Graal per tutte noi che gatte morte non ci siamo nate. È una sorta di balsamo per chi la Natura si è dimenticato di valorizzare con doni estetici degni di questo nome, ma comunque va avanti e non perché, dopotutto, “è bello dentro” : l’autrice sfata anche quest’ancora di salvezza di  molte donne meno belle.

Dovremmo invece tutti capire, specialmente le donne, che rincorrere la perfezione non appaga sempre il nostro cuore e che, come dice la bravissima Moscardelli, “quello che non abbiamo riesce sempre a rovinare quello che abbiamo.”

Recensione “Volevo essere una gatta morta” di Chiara Moscardelliultima modifica: 2019-06-19T21:01:13+02:00da tersicone0

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.