Leggo un libro ad alta voce, tratta di filosofia antica (ogni tanto reputo mi sia di aiuto, come guardare un papavero rosso in un prato verde)

[Chi non sa che cosa sia il mondo non sa dove sia egli stesso;
e chi non sa perché il mondo esista, non sa che cosa sia egli stesso

Colui che non sa rispondere a una di queste domande non può dire perché esista egli stesso.

“Ogni spirito profondo ha bisogno di una maschera: e più ancora, intorno a ogni spirito profondo cresce continuamente una maschera, grazie alla costantemente falsa, cioè superficiale interpretazione di ogni parola, di ogni passo, di ogni segno di vita che egli dà.

Esistono uomini che non vogliono essere visti altrimenti che velati per metà da altri.  C’è molta saggezza, in questo.]

Esercizi spirituali e filosofia antica – P. Hadot

 

 

 

Comincia a vivere subito e considera ogni giorno come una vita a sé   (Seneca)

L’amico ascolta la canzone del mio cuore e me la canta quando non ricordo più il suo ritornello  ( S. Lawrence)

Amico è per me colui davanti al quale posso pensare ad alta voce (G. Borsara)

Se mi trovassi a dover rispondere alla seguente affermazione:

Ho la tendenza a farmi guidare dall’istinto – io risponderei con un no.  Senza sapere se è un’azione giusta o sbagliata, l’essere istintivi o il non esserlo.

La frase l’ho letta in un libro di David Foster Wallace: Questa è l’acqua.

E questa non è comunque l’unica frase del libro che mi è rimasta impressa nella mente.  Altre frasi e riflessioni intere, verso la fine del libro, parlavano della venerazione, o sul fatto che tutti noi, finiamo con venerare qualcosa, talvolta tutta la vita la stessa “cosa” in modo quasi automatico, e inconsapevole.  Lo scrittore sostiene che c’è chi venera la bellezza, chi venera la religione (un Dio quindi che sia Gesù Cristo o Allah, che sia YHWH o la Dea madre della religione Wicca, le Quattro Nobili Verità), chi venera il potere, chi venera la ricchezza, chi venera l’intelletto. Ma la cosa che lui sostiene si debba “venerare” o guardare con cura e attenzione sia la verità nella consapevolezza quotidiana…

?

ahahah

E vabbè

Bel libro, soprattutto verso la fine, si capisce meglio la parte inziale e centrale.

Andando ad un funerale

Ieri ho compreso fondamentalmente due cose: sono sola, mi sento sola, e apprezzo le persone che riescono a sentirsi serene in compagnia di loro stesse. Io non credo di riuscirci… soprattutto in giornate come queste, nelle quali mi sento la morte nel cuore. Avrei voglia di gridare, ma ho sempre la mia solita voce sottile…per non disturbare troppo, sono stata cresciuta con questa idea di fondo: essere gentile e responsabile nei confronti del mio prossimo, e di norma mi sono comportata quasi sempre così, lungo il mio tragitto, un’abitudine esistenziale. Ma oggi, vorrei urlare contro la vita e il mondo intero, e dire apertamente che non mi piace, che è un posto perlopiù poco garbato e talvolta addirittura feroce, ciecamente, indistintamente. Forse non cambierebbe nulla, nemmeno per me, dare voce e ad alti decibel al mio malcontento. Ho negli occhi ancora la bara che ho guardato a lungo ieri pomeriggio, in una chiesetta vicino ad uno ospedale. Dopo qualche mese di gravi dolori e cure continue una persona della mia famiglia è andata nell’aldilà, ha raggiunto l’Empireo cielo, mi piace nominarlo così, questa dimensione che quasi nessuno di noi vivi conosce e frequenta, ma che immaginiamo o desideriamo e temiamo? Ho scritto all’interno di questo post, solamente due parole in modo diverso dal resto di tutte le altre, e sono state: gravi dolori,  per evidenziare quanto sia ingiusto e ignobile il dolore fisico che dobbiamo provare il più delle volte, prima di lasciarci prendere dalla morte corporea, ma nonostante ciò ritengo ce ne possa essere uno (un dolore) di altrettanta portata, per devastazione fisica e morale: la solitudine.  Ieri ho avuto modo di vedere anche questa al funerale del mio amato parente, ma non riguardava lui, che per sua fortuna e capacità, in vita è riuscito a trovare l’amore, ad amare e a farsi amare, quindi anche durante il suo calvario fisico è stato accompagnato dalle persone più care. Invece, 24 ore fa più o meno, ho visto una donna, una signora di aspetto attraente e dai modi cortesi, che si è avvicinata all’entrata della chiesa quando noi tutti familiari ci accingevamo ad uscirne, e ha voluto sapere chi fosse la persona defunta e quali fossero i familiari a lui più stretti per porgere le sue condoglianze, sembra che ci siano ormai spesso queste strane figure…che si affacciano ai funerali di persone a loro estranee, per scambiare due parole, o per avere un po’ di compagnia…più che per farne. Ecco, d’improvviso, mi sono vista io in un probabile futuro prossimo, a recarmi ai funerali di perfetti sconosciuti, per avere la possibilità di scambiare due parole sincere e amichevoli con qualcuno altro, visto che non sono riuscita ad avere rapporti profondi con nessuno fino ad oggi. Con rammarico e terrore lo vedo.

 

d0sw7yct

“Come comprese James Joyce all’epoca in cui era un giovane scrittore in Irlanda:  Sono arrivato alla conclusione che non riesco a scrivere senza offendere qualcuno”

Tratto dal libro “Bianco” di Bret Easton Ellis
Recitare – attori

bret

Per questo motivo, finiscono con l’interpretare una parte per noi anche nella loro vita quotidiana. E non possono farci nulla: trascorrono le loro giornate inabissandosi nei personaggi. Vogliono piacere, vogliono fare bene il loro lavoro. Gli attori sono terrorizzati dalle critiche e ne sono più feriti perchè, al contrario della maggior parte di noi, vivono di fronte al loro pubblico, e le critiche potrebbero voler dire che il pubblico non li ama più. Le critiche potrebbero pregiudicare il prossimo lavoro, il prossimo flirt, forse la grande svolta positiva nel corso della carriera. Per un attore le critiche sono intimamente legate alla sopravvivenza, più di quanto non lo siano per noi tutti, o almeno così stavano le cose fino a poco fa.

Infatti oggi la maggior parte di noi conduce sui social una vita che è più fondata sulla finzione di quanto non fossimo in grado di immaginare anche solo una decina di anni fa, e grazie al germogliare di questo culto della popolarità in un certo senso siamo diventati tutti degli -attori-

Abbiamo dovuto ripensare i modi in cui esprimere i nostri sentimenti e  i nostri pensieri e  le nostre idee e opinioni.”

Un aforisma in mente

Nn senza difficoltà sono uscita dal mio appartamento questa mattina,
ho cercato di fare meno rumore possibile, con i miei tacchi che scendevano
tutti i gradini delle rampe di scale(abito al terzo piano) e poi mi sono accorta
che forse non ne valeva tanto la pena, l’essermi svegliata di buon’ora per uscire: c’era troppo freddo!
Speravo in un bel clima caldo, ma ho dovuto avvolgermi nel foulard
che tenevo conservato nella borsa per riscaldarmi abbastanza da continuare
la camminata..
Durante questa ho ascoltato il cinguettio continuo e ad alto volume di diversi uccellini e qualche stralcio di conversazione di certi passanti davanti a me, ai miei passi.
Proprio da una di queste ho preso spunto per una riflessione, visto che le parole che ho sentito pronunciare da una donna alla sua amica che le camminava a fianco mi hanno dato da pensare.
Parlavano di dipendenze, una riferiva all’altra che un suo parente stretto
aveva un problema di continui flussi di soldi che gli uscivano di casa e che lei doveva aiutare la sua famiglia,  perchè questo parente aveva il vizio del gioco, che spendeva molti soldi in questo modo e con le “donne”.
Ora, come sosteneva Oscar Wilde, con un celebre aforisma: Non bisogna cercare simboli in tutto ciò che si vede…
Eppure io questa volta voglio farlo, e prendendo spunto da questa frase sentita per puro caso, o involontario modo, mentre passeggiavo, voglio fare un elenco delle mie  “dipendenze” –

Davanti a cosa non riesco a fare dietro-front, eccedendo magari nelle dosi  ?

Innanzitutto al caffè, dal quale ho dovuto liberarmi un poco, per motivi legati al mio stomaco e alla mia capacità di sopportarlo, perciò ne bevo uno al giorno, o uno ogni due giorni, invece di 3 al giorno!

La fantasia, non riesco a privarmi di perdermi in fantasie fantasiose anche suggerite dai svariati libri che leggo.

La lettura, leggo e compro libri anche in modo esagerato: è una necessità forse per dimenticare la mia vita, invece di migliorarla o di correggerla attivamente?

Sono dipendente dalla visione di alcune arti: come la pittura o la letteratura che poi diviene recitazione…

Dal giudizio delle persone che amo, ovvero mi lascio condizionare da ciò che loro vorrebbero che io facessi o da come dovrei comportarmi, per paura di perdere la loro stima o il loro affetto

Dallo shopping, in certi frangenti…per rilassarmi…I love shopping!

Dai puntini di sospensione … … …

Hanging_Gardens_of_Babylon Babilonia

Gli addetti ai lavori metafisici?

Credo che la parola di oggi per me, possa essere: metafisica, dato che l’ho individuata sia ieri che oggi sopra le pagine di due libri diversi, vorrà dirmi qualcosa?

Proprio lei, che sicuramente ho dovuto ignorare, in parte, in queste giornate dovendomi perlopiù immergere nella vita pratica e attiva. Senza avere quasi mai avuto quella tranquillità necessaria a riflettere proprio sopra l’oltre di questa realtà, o vita…  e routine…che mi pressa,  affaticata dalle quotidiane attività da svolgere, come quelle di prepararmi ad un’uscita sotto la pioggia!

Io odio la pioggia, quella battente che s’infiltra sotto i vestiti, fin sulla pelle, il collo, le braccia, il viso e li rende intrisi d’acqua.  Difatti stamattina non avevo intenzione di arrendermi al cambiamento atmosferico, al freddo, e volevo indossare delle scarpe bianche, da ginnastica per essere comoda, ma pur sempre bianche. Ho dovuto cambiare idea e calzarne un paio di colore nero, poi di malumore mi sono diretta con passo svelto da abituè della corsa tipo jogging, al supermercato più vicino. Dopo ciò mi sono sbarazzata delle mie calzature scure e ho deciso che oggi fosse una giornata da passare scalza, a casa.  Così ho iniziato ad aggirarmi per l’appartamento in cui vivo, parlando ad alta voce,  ossia ripetendo delle frasi in lingua inglese, fino a questo punto, ovvero fino ad ora,  che sono seduta davanti allo schermo del computer, su questa pagina virtuale.  Ora potrei riprendere a riflettere sul termine “metafisica”, pensate che lo farò oppure ritornerò a ripetere il mio frasario in lingua inglese??  Il pragmatismo prima di tutto?

Riprendo a conversare in inglese… l’inglese è utile nel mondo attivo, nella società (la metafisica è un passatempo con me stessa?)

Sragiono? Vaneggio…ecco la metafisica è sempre troppa, anche solo se ti sfiora la mente, a meno che tu non sia un addetto ai lavori…metafisici?

Tipo: psichiatri, sacerdoti, insegnanti di filosofia etc etc (ah ah ah) (Sono felice di avere questo divertimento…un blog dove scrivere…sciocchezze!)

 

 

 

 

 

“La vita…era una cosa strana, la vita. Ogni tanto sembrava di capire che fosse, e poi tac, si dimenticava, tornava il sonno.”

(pag 60 del libro: Il mare non bagna Napoli – Anna Maria Ortese)