Ti ho raccolto dal desiderio…

Immagine

Share via emailSubmit to redditShare on Tumblr

image

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ti ho raccolto dal desiderio di molti
Dalle altezze, dalla stella incastonata
Dalle radici non pavimentate
della cara canzone e sacrifici molti
Crampi dell’anima, cuori bruciati
Del fuoco vivo, dell’acqua viva
dell’oro, mirra e incenso
Dalla cara canzone dei cioccolatini
E di terreno coperto di sangue
dall’albero che la pena è rotto
i sorrisi e le perdite
da testi calde e stelle su
da quello che era meglio per me
me sole cuore polveroso
in notti in cui la gente dormiva
ti vivevo, dormivo
con lo spirito, la fede e la speranza
con i miei grandi occhi da bambino
ciò che non credeva nell’impossibile
Ciò che crede ancora nel miracolo
Senza alcun timore di impedimento

Ti ho protetto dagli abiti della mente
Con un sorriso aspro, con disprezzo
Ti ho coperto nei giorni freddi
Con il mio cuore che piangeva per te
Ti ho nutrito di gioia
Con lacrime Mi sono adattato allo
Spirito Santo Ti ho fatto il bagno
E icone che ti ho portato
da una tomba santa che ti ho mandato
attraverso le montagne e purtroppo ti ho portato con me
e attraverso i temporali e attraverso la neve
con te nelle tue mani mi sono addormentato
con te nella tua anima mi sono svegliato …

Ora sei grande e non posso più avere il mio
corpo pesante, il mio cuore schiacciato Spero di
essere nelle mie carrozze – ora
ho la mano tutta stanca
e la mia suola è schiacciata
e sanguino tutto, giù vado
non ho forza per scalarti
fino alle altezze … Qui, sono caduto Il
mio cuore piange, la mia anima è morta
Ma cosa fare? No, non posso rinunciare
a te, sogno pazzo
Bel bambino, perso nel fumo
Non ti vedo più, non ti sento
E, Dio, quanto ero stanco … ”

– “Date voi, io non voglio rinunciare
d’ora in poi le braccia voi pecore usura
si pecore si prende indietro
verso le altezze, sul nostro modo
da ora vi pecore caldo
si pecore impastare, si pecore proteggere
-vengono
lì entrambi , dove sei nato!
Dai, andiamo! Non tutti i sogni
Pensavi che stavo perdendo l’abisso?
Ti arrenderai a me, ti
mancherò ancora ,
ti manderò , ti sognerò! ”