Dedicato.

Visualizza immagine di origine

 

 

 

In un cielo azzurro e puro,
blu come l’azzurro del cielo,
come il cielo come il puro amore diDio,
improvvisamente apparve un cielo, una stella,
una cometa così, ma così bella,
che anche il Signore che crede a tutto,
stava guardando perplesso,
come posso fare una cosa
del genere se anche io non ci credo?

Alla terra andò a fermarsi,
e in un giardino di rose germogliato.
Sembrava così divertente e così bella
che di tutte quelle rose,
questo era quello che brillava di più.

Lasciò andare il suo profumo primaverile
come quello che spalancava l’aria quando respirava,
ma fu tale l’ebbrezza del suo odore che
il Padre Nostro, il Signore, nel suo palazzo divino,
spalancò le porte
e gli angeli indisciplinati sorrisero da un orecchio all’altro.

Quella stella, quel lucernario,
quella cometa che è venuta sulla terra avvolta nel fuoco…
Dio, che cosa!
È diventata la rosa
che nasconde il mio amore eterno sul petto.©

 

 

 

 

 

Share via emailSubmit to redditShare on Tumblr