Specchio, tesoro mio, solo tu conosci la verità.

mm

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Lo zar era andato in guerra e la zarina, sconsolata, si sarebbe seduta all’alba alla finestra del suo palazzo e lì sarebbe rimasta fino a mezzanotte in attesa del suo padrone. Passarono settimane e mesi e la vigilia di Natale la zarina diede alla luce una bambina. Proprio quel giorno tornò lo zar di guerra, ma i dolori del parto, le sofferenze dovute all’assenza del marito e l’emozione di rivederlo pose fine alla sua vita, mentre le campane suonavano in onore del Figlio di Dio.

Il dolore dello zar fu sincero e amaro, ma dopo un anno si sposò una seconda volta. La nuova Zarina era snella come una betulla e bella come un fascio di grano quando il sole la faceva rosolare. La sua anima, però, non era bella, ma orgogliosa e piena di invidia. Possedeva uno specchio d’argento che, sotto il suo aspetto ordinario, aveva il dono della parola e la zarina parlò spesso con lui e gli chiese:

“Specchio, tesoro mio, solo tu conosci la verità.” Dimmi qual è la donna più bella e quella con le labbra più rosse e la fronte più bianca.

Lo specchio ha risposto:

-Tu sei il più bello; nessuno può negarlo.

E la civettuola Zarina rise di gioia per l’adulazione dello specchio. Così ha aumentato il suo orgoglio e il suo disprezzo per tutti gli altri.

Nel frattempo la figlia dello Zar cresceva nel palazzo come un fiore, e per la sua bellezza e simpatia risvegliava l’affetto di tutti quelli che la conoscevano.

Un giorno arrivò al palazzo una mail con questo messaggio per lo zar:

-Il principe Alessio ti saluta e chiede la mano di tua figlia.

Lo zar, che conosceva e apprezzava il principe, gli diede la mano di sua figlia. La dote era di sette ricche città del suo regno con cento palazzi. Ordinò anche che si tenessero feste per il corteggiamento della piccola principessa e chiese ai sudditi, ricchi e poveri, di condividere la sua gioia.

Quando stavano per essere celebrati i festeggiamenti, la perfida Zarina si vestì con uno splendido abito e chiese allo specchio:

– Specchio, dimmi, chi è la donna più bella agli occhi degli uomini? Chi è quello con le labbra più rosse e la fronte più bianca?

-Tu, graziosa Zarina, sei bella agli occhi degli uomini. Tuttavia, la giovane principessa, la fidanzata di Alessio, è più bella di te; le sue labbra sono più rosse e la sua fronte più bianca », rispose lo specchio.

La zarina, disgustata e infiammata dalla rabbia, esclamò:

– Specchio sdraiato, che scherzo è questo? Come osa la principessa paragonarsi a me? Certamente è più bianca di me, perché dall’alba al tramonto sua madre stava alla finestra con le mani incrociate sul petto, a fissare la neve. Ma non è più bello. Mi hai detto molte volte che non c’è donna sulla terra che possa rivaleggiare con me.

Lo specchio, tuttavia, ha insistito:

-L’amato di Alessio è più bello di te; le sue labbra sono più rosse e la sua fronte più bianca.

Quindi la zarina gettò lo specchio nell’angolo più lontano della sua stanza e incaricò Chernavka, la sua cameriera, di condurre la principessa in una foresta lontana e legarla a un robusto pino perché i lupi la divorassero. Chernavka, terrorizzata dalla rabbia della sua padrona, non osava contraddirla e condusse la giovane principessa nel profondo della foresta. Vedendosi così frettolosamente allontanata dal palazzo e spaventata dall’atteggiamento della cameriera, la principessa disse:

-Mia buona Chernavka, ti ho fatto del male senza saperlo? Dove mi stai portando così di fretta?

“Non posso tornare con te al palazzo”, rispose la fanciulla, “perché la zarina vuole assassinarti.” Tuttavia, anche io non voglio legarti a un albero, come mi ha ordinato, in modo che i lupi ti divorino. Non piangere, mia bellissima ragazza; cerca rifugio dove puoi e che il Signore ti liberi da ogni male.

Quando la fanciulla tornò al palazzo, la zarina chiese:

-Come sta quella bellissima principessa con le labbra rosse e la fronte bianca adesso?

-L’ho legato a un grande pino; così l’ho lasciata in mezzo alla foresta. Non sarà in grado di difendersi dalle bestie feroci e morirà immediatamente.

Dopo la prolungata scomparsa della principessa, iniziò a circolare misteriosamente la voce che la principessa fosse morta. Gli ospiti piansero di sgomento, lo zar si ritirò per piangere la figlia perduta e il principe Alessio montò a cavallo e partì alla ricerca della sua fidanzata.

Nel frattempo, la principessa vagava per la lunga notte senza che nessuno le facesse del male. Se una bestia si avvicinava, metteva le mani sulla schiena dell’animale, gli parlava dolcemente e calmava la sua ferocia.

All’alba sentì abbaiare e presto individuò una casa la cui porta era sorvegliata da un cane. Quando vide la principessa, corse al suo fianco, tra salti felici, come per accoglierla. La piccola principessa entrò in casa, dove c’era una stanza con panche di quercia, un tavolo e una stufa. Immediatamente capì che quella era la casa di persone che vivevano nella pace del Signore e lì pensò di riposare. Immediatamente ha iniziato a spazzare e sistemare la stanza e poi ha acceso un fuoco nella stufa e una candela davanti all’icona del Signore. Poi è entrata in una stanza e si è addormentata.

Passarono le ore e, quando la prima stella apparve nel cielo azzurro, lo scalpiccio dei cavalli ruppe il silenzio della foresta. In poco tempo, sette giganti, i loro volti arrossati per la caccia, entrarono in casa. Il più grande dei giganti esclamò:

-Meraviglioso! La casa viene spazzata e riordinata, il fuoco e la candela vengono accesi come se fosse un benvenuto.

Poi ha gridato:

-Chiunque tu sia, vieni fuori così possiamo incontrarti e averti come amico. Se sei vecchio e hai la barba grigia, ti onoreremo come nostro signore; se sei giovane, sarai nostro fratello d’armi; Se sei una signora, ti chiameremo nostra madre e ci prenderemo cura della nostra casa, e se sei una fanciulla, sarai la nostra amata sorella.

La principessina apparve arrossendo e confusa, si inchinò ai giganti e si scusò per essere entrata in casa senza invito. I giganti pensavano che la fanciulla non potesse essere che la figlia di uno zar, tali erano la sua bellezza e simpatia. La fecero sedere a capotavola e le furono posti davanti un bicchiere di vino e una focaccia. La principessa bevve, ruppe la torta e mangiò con appetito; ma la stanchezza ebbe la meglio su di lei e presto la sua testa si chinò sul petto. Il maggiore dei fratelli la prese delicatamente tra le braccia e la portò in una camera da letto per riposare lì in silenzio.

È così che la giovane principessa è rimasta a vivere nella foresta con i sette giganti. I giorni continuavano il loro corso e la ragazza non conosceva né solitudine né dolore, perché le sue mani erano impegnate nei lavori domestici e il suo cuore era gioioso, lontano dall’odio della zarina. Ogni mattina prima dell’alba, i sette fratelli, in compagnia amichevole, montarono sui loro destrieri e cavalcarono attraverso le montagne e le pianure, addestrando il loro braccio alla caccia. Altre volte avrebbero combattuto con gli abitanti del Caucaso, per espellerli dal paese.

La piccola principessa rimase a casa per riordinare la casa, accendere il fuoco, preparare la birra, impastare il pane e accogliere i giganti al loro ritorno nel tardo pomeriggio. Il cane Sakolka era il difensore della principessa quando è rimasta sola.

Accadde che i sette fratelli fossero innamorati della giovane principessa e, dopo essersi incontrati in consiglio, decisero di parlarle. Infatti, una mattina entrarono nella sua stanza, prima di andare a caccia, e il maggiore di loro parlò:

-Ragazza, sei la nostra cara sorella. Ma l’amore ha così preso piede nei nostri cuori che ora veniamo, come umili pretendenti, a chiedervi la mano. Poiché non puoi sposarci tutti e sette, ti preghiamo di riportare la pace tra noi scegliendo un marito, e gli altri continueranno a chiamarti sorella. Perché stai scuotendo la testa? Non ami nessuno di noi o non ti meritiamo?

“Guai a me, cari fratelli!” esclamò la piccola principessa. Possa Dio punirmi se non dico la verità! Vi amo, sì, coraggiosi guerrieri e fedeli cavalieri; mi siete tutti ugualmente cari. Tuttavia, non posso nemmeno sposarmi, poiché sono fidanzato con il principe Alessio. È il mio corteggiatore e lo amo più del resto degli uomini.

I sette fratelli capirono e accettarono le parole della piccola principessa, si inchinarono davanti a lei e lasciarono la loro stanza. Non parlarono mai più di amore e continuarono a vivere come una famiglia in pace e tranquillità.

Nel palazzo, la malvagia Zarina meditava e continuava a odiare quella che credeva essere una principessa morta. Per molti giorni il suo specchietto rimase abbandonato nell’angolo più lontano della stanza, ma, col passare del tempo e dimenticare il suo risentimento, lei volle contemplarne la bellezza. Prese lo specchio, ci guardò dentro e disse:

-Buongiorno, specchio. Qual è la donna più bella del mondo?

“Tu, graziosa Zarina,” rispose lo specchio, “sei bellissima, nessuno può negarlo.” Ma nel profondo della foresta vive una fanciulla con sette giganti. È cento volte più bella di te. Le sue labbra sono rosse come una goccia di sangue e la sua fronte è bianca come la neve appena caduta.

La zarina impallidì di rabbia, convocò la sua cameriera Chernavka ed esclamò:

“Accidenti a te, bugiardo!” Dove hai nascosto la principessa?

La cameriera cadde in ginocchio, piangendo, e rispose:

– Signora, non l’ho nascosto. L’ho lasciata sola nella foresta, alla ricerca di un riparo in cui ripararsi.

La zarina ha risposto:

-Ora vive nella casa dei sette giganti. Trovala e uccidila! Se gli salvi la vita una seconda volta, perderai la tua.

La piccola principessa, che girava alla finestra aspettando il ritorno dei suoi fratelli, udì l’abbaiare furioso del cane Sakolka e, alzando la testa, vide una vecchia mendicante che combatteva con il suo bastone per tenerle lontano il cane lato. La principessa esclamò:

“Aspetta, povera vecchia!” Vado subito a darti un volantino.

“Sbrigati, bella ragazza!” Il cane vuole mordermi!

Quando la piccola principessa, con un pezzo di pane, volle varcare la soglia della porta, Sakolka si intromise e le sbarrò la strada. Quando la vecchia si avvicinò, il cane mostrò i denti e le si lanciò contro, come una delle bestie della foresta. Così la mendicante fuggì in fretta, mentre la principessa la chiamò di nuovo:

-Non so cosa può succedere al cane. Ti verserò il pane di qui; unite le mani per riceverlo.

Lanciò il pane alla vecchia che lo ricevette tra le mani dicendo:

“Che una benedizione sia sulla tua bella testa!” Prendi questo regalo in cambio!

E gli lanciò una mela d’oro.

Il cane Sakolka voleva prendere il frutto nell’aria, ma cadde nelle mani della piccola principessa.

“Dio ti ricompenserà per il pane che mi hai dato”, disse la vecchia. Quanto alla mela, puoi mangiarla quando non hai niente di meglio da fare. Continua così.

La principessa accarezzò il cane e disse:

-Che succede, Sakolka?

E il cane teneva la testa alta e ringhiava tristemente.

La cameriera tornò al suo filatoio e le mise la mela davanti per rallegrare i suoi occhi. Il frutto sembrava delizioso. Era rossa come una fanciulla davanti al suo amante e dorata come una pentola piena di miele. La principessa ha voluto aspettare il ritorno dei suoi fratelli per poter assaggiare anche loro quella deliziosa mela. Ma, a forza di guardarlo, non poté resistere e, portandolo alle labbra, vi affondò i dentini. Nello stesso momento cadde all’indietro, come una canna che piega il vento; le mani bianche scivolarono ai lati del suo corpo e la mela d’oro rotolò nell’angolo più lontano della stanza. Il cane si sdraiò accanto al corpo della ragazza, con la testa tra le zampe anteriori, e rimase così a lungo immobile.

Ore dopo il passo dei cavalli ruppe la tranquillità della foresta e arrivarono i sette giganti, cavalcando felici. Gli eserciti nemici erano stati sconfitti e la gioia della vittoria brillava su tutti e sette i volti. Ma all’ingresso della casa nessuno li accoglieva e dentro tutto era ombra e silenzio.

“Sta succedendo qualcosa di grave”, hanno esclamato i fratelli.

Trovarono la piccola principessa sdraiata a terra con il cane al suo fianco. Quando vide i sette giganti iniziò a girare in cerchio, abbaiando come un matto. Alla fine trovò la mela d’oro e, inghiottendola in un morso, cadde all’istante morto.

Il gigante più anziano mise la piccola principessa sulla panchina e, tutti intorno, pregò che la sua anima riposasse in pace, mentre il dolore esplodeva nei loro cuori. L’hanno vestita con un abito bianco come la neve e hanno deciso di seppellirla. Ma all’improvviso si accorsero che la principessa non sembrava morta, ma avvolta nell’incantesimo di un sogno. Le sue labbra erano ancora rosse e la sua fronte aveva lo stesso candore.

Trascorsero così tre giorni e la fanciulla rimase immobile. Alla fine i fratelli misero la principessa in una bara di vetro e la portarono sulle loro possenti spalle su una montagna lontana, alta nel mezzo di una vasta valle. Passarono attraverso una porta buia nel fianco della collina, e presto giunsero a una caverna nascosta, dove appesero la bara di vetro, sospendendola in aria per mezzo di grosse catene in modo che quando il vento soffiava avrebbe cullato il dolce sonno dello sfortunato sorella. A nome di tutti i suoi fratelli, il più grande dei giganti ha detto addio con queste parole:

-Dormi dolcemente, tu, la cui bellezza ha provocato la gelosia di qualche spirito. Ora che sei solo la sposa della morte, possa il cielo ricevere la tua anima!

Dette queste parole, i sette fratelli lasciarono lì la principessa.

Nel frattempo, la perfida Zarina consultò di nuovo lo specchio:

“Specchio, tesoro mio, chi è la donna più bella del mondo?” Quale ha le labbra più rosse e la fronte più bianca?

-Tu, divertente Zarina; nessuno può negarlo. Sei la più bella agli occhi degli uomini. Le tue labbra sono le più rosse: la tua fronte la più bianca.

E così, finalmente, la perfida Zarina fu soddisfatta.

Per molte notti e molti giorni, Alexei aveva viaggiato per il regno, cercando ovunque la sua fidanzata. Ha chiesto ai camminatori che ha incontrato la stessa domanda:

-Hai sentito parlare della piccola principessa? Sono il suo fidanzato.

Ma nessuno sapeva di lei e non è mai stata in grado di ricevere le informazioni che voleva. Alla fine, come ultima risorsa, Alessio alzò gli occhi al cielo ed esclamò:

-Sol, tu che sei la luce e il signore dei cieli; tu che unisci instancabilmente la gelida mano dell’inverno al caldo abbraccio della primavera, non sai niente della piccola principessa? Sono il suo fidanzato!

-No, fratello mio. Sebbene i miei occhi possano vedere l’intera terra e le sue creature, non vedo la piccola principessa. Forse la luna, mia sorella della notte, ha saputo contemplare la traccia dei suoi piedi. Chiedi a lei.

Detto questo, il sole ha fatto il suo corso. Alessio si sedette su una pietra e aspettò la notte. Quando venne l’oscurità e la luna sorse nel cielo, supplicò ad alta voce:

-Luna, luna, tu che sei come una tromba d’oro nel cielo; Tu, lampada delle tenebre, che risplendi splendente come tutte le stelle, che ti innamori della tua luce radiosa e vieni fuori solo per guardarla, hai visto la piccola principessa? Sono il suo fidanzato.

-No, fratello mio. Io non ho visto. La mia sorveglianza non dura più di poche ore di notte.

-Il sole non l’ha visto di giorno o la luna di notte. Dove troverò la principessa – mormorò l’amante – se non tra le braccia della morte?

-Aspettare! Hai messo in dubbio il vento che soffia fino alle grotte nascoste?

Detto questo, la luna ha continuato il suo lento viaggio attraverso il cielo. Alessio si riprese e corse urlando al vento:

-Vento, vento! Tu, così potente, tu che fai da pastore alle nuvole veloci, che comanda le onde, che si precipitano nel deserto, che dipendono solo da Dio, sai qualcosa della piccola principessa? Sono il suo fidanzato.

Il potente vento rispose:

-Sì, ho visto la piccola principessa, ma posso darti poco conforto. Al di là di un fiume che scorre dolcemente, c’è una caverna nascosta dove nessuno entra tranne me. Là, appesa a grosse catene, posta tra due colonne, una bara di vetro si muove al mio respiro. Nella bara c’è la piccola principessa, addormentata.

Il vento continuava ad avanzare e Alexei pianse per la triste notizia. Ma dopo essersi asciugato le lacrime, diresse il suo destriero nel luogo lontano dove dormiva la sua fidanzata. Ha viaggiato notte e giorno fino a raggiungere quella montagna desolata. Oltrepassò la porta buia e lì, nella notte eterna, contemplò la bara di vetro dove dormiva la principessa, ondeggiante tra le colonne. Vedendola così pallida e bella, il suo cuore non riuscì a contenere il suo dolore e si gettò sulla bara di vetro con tale violenza che cadde a terra e si spezzò in mille frammenti. In quel momento la principessa si svegliò ed esclamò con un sospiro di sorpresa e sorpresa:

-Quanto è stato profondo il mio sonno! Quanto sono rari i miei incubi!

Ma quando vide Alessio, dimenticò tutto e, alzandosi a sedere, sospirò emozionato:

-Alexei! Il mio amore!

Si fusero in un forte abbraccio e pieni di gioia presero il sentiero per il palazzo.

Accadde che proprio in quel momento, la perfida Zarina interrogò distrattamente lo specchio:

“Specchio, tesoro mio, chi è la donna più bella del mondo?” Quale ha le labbra più rosse e la fronte più bianca?

-Tu, graziosa Zarina, sei molto bella agli occhi degli uomini; nessuno può negarlo. Ma quello che il principe Alessio porta a palazzo è cento volte più bello di te; le sue labbra sono più rosse di una goccia di sangue e la sua fronte è più bianca della neve appena caduta.

La perfida Zarina lanciò il piccolo specchio che era stato spezzato in mille pezzi e corse furibonda alla porta della sua stanza. Lì incontrò la piccola principessa che Alexei stava trasportando. La sua bellezza era così radiosa che il cuore della zarina rilasciò tutto il suo veleno e lei cadde morta.

Ci furono grandi gioie in tutto il regno e la piccola principessa sposò il suo fidanzato Alessio in mezzo a mille feste e divertimenti. I sette giganti furono invitati alle nozze e ballarono finché non udirono il canto del gallo.

Specchio, tesoro mio, solo tu conosci la verità.ultima modifica: 2021-02-21T08:38:00+01:00da CRUDELIALIBERA
Share via emailSubmit to redditShare on Tumblr