scacciando le tempeste ..

ii

Original Colorful Abstract Painting with Playing Cards. (2017) Oil painting by Retne | Painting, Colorful abstract painting, Abstract painting

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Volevo posare gli occhi, posarli su queste morbide trame che eruttano negli angoli della mia anima, mentre il mio petto vibra di frequenza a quest’onda che mi attraversa, lacerando in pieno la piccola pace che prevale nel mio cuore. Mi sento incenerito da una presenza che mi lega, che mi devasta e mi destruttura, scacciando le tempeste che hanno incatenato il mio cuore a un vuoto straziante.

Fu attraverso un varco che non conoscevo, un varco inosservato ai miei desideri acuti e sonori, che la freschezza mi infiammava improvvisamente, lasciandomi vulnerabile e ostaggio di un morbido grembo, rapito in una tenerezza intrappolata e rara. Era una deduzione secca che irreggimentava con pura poesia i cristalli dei miei occhi, gonfi e così acclimatati, addormentati da questo sonnifero che il mondo è diventato.

Ogni secondo un tremito, una palpitazione coercitiva che mi incatena nelle vibrazioni di un sorriso singolare. È un calore viscerale, che sbottona le emozioni più rosse, consumando il cuore in un fugace addio, un risveglio che mi asseconda e mi edifica, mi eleva con furore; mi avvolge in esplosioni di pura seduzione. La paura ruggiva attraverso la sua orchestra con toni acuti, violando le sue vesti con un tocco infantile ma anestetico.

La poesia saliva la sua essenza, e deliberava rime perdute, flebili, tra le sfumature che un tempo svelavano i miei sguardi così sfiorati di romanticismo. È il segreto che oblitera le scelte, e raffredda i gesti in un sotterfugio improvviso, sminuzzando la mia povera anima in schegge squallide e dolorose. Mi reinvento, perché da tempo non sentivo l’aria da queste parti. È stata una lacrima che ha reso di nuovo fertile il terreno della speranza.

Sono gli occhi che fiancheggiano le mie insipide sponde, scintillanti di un tocco corroborante, deliberando volti nuovi per questo rumore inebriante che rompe le tende di un amore avvolgente, una nuova e torpida tempesta che fa ruotare l’universo che si nasconde dentro di me. Mi perdo in questi secondi in cui il mio corpo si ferma e visualizza l’ingegneria delle stelle, questo cielo così allineato al mio.

Sono scintille che bucano crepe, raggi marroni che colorano i vicoli grigi dove il mio corpo, per lungo tempo, ha vagato. È stato un incontro nel mezzo della mancata corrispondenza che risuonava attraverso ogni centimetro della mia anima stanca. Anche se mi ubriaco, reagisco i miei desideri alla realtà, mirando ad assorbire questa vibrazione che sconvolge, completamente, il mio cuore. In mezzo a questo silenzio che mi riverbera e mi avvolge, mi addormento. A volte mi ritrovo a desiderare di svegliarmi, perché non so più se sto vivendo.-

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

The Playing Cards – Thomas Ackermann

 

scacciando le tempeste ..ultima modifica: 2021-10-18T11:06:54+02:00da ilcorrierediroma
Share via emailSubmit to redditShare on Tumblr