Un servizio accettabile.

Keith Haring, "Untitled," 1982 (ink on two sheets of paper), at  @themuseumofmodernart #museumofmodernart #MoMA… - Trend O TagsArt Gallery by Ara HACOBIAN | EXPERTISSUES

 

 

 

 

Un servizio accettabile

 

Come potrò, disse, governare su altri che non hanno pieno potere e controllo su me stesso? Se pensi che ti abbia reso, o che in seguito possa svolgere un servizio accettabile, dammi il permesso di fondare un’abbazia secondo la mia mente e fantasia. (1)

Qui entrano non vili bigotti, ipocriti, scimmie esteriormente devote, vili, bestie gonfie e dal collo ironico, peggiori degli Unni, o Ostrogoti, precursori dei babbuini: serpenti maledetti, dissimulati, apparenti sacri, mendicanti che fingono desideri, Gattini grassi, battenti da banchetti profumati, gabbiani ottusi, pugni a grappolo che accarezzano, tori litigiosi, fomentatori di divisioni e dibattiti, altrove, non qui, vendi i tuoi inganni. (2)

Tutta la loro vita non fu trascorsa in leggi, statuti o regole, ma secondo il loro libero arbitrio e piacere. Si alzavano dai letti quando pensavano bene; mangiavano, bevevano, lavoravano, dormivano, quando avevano intenzione di farlo ed erano disposti a farlo. Nessuno li svegliò, nessuno si offrì di costringerli a mangiare, bere o fare qualsiasi altra cosa; perché così l’aveva stabilito. In tutte le loro regole e nei vincoli più stretti del loro ordine c’era solo questa clausola da osservare: Fai ciò che vuoi; (3)

Share via emailSubmit to redditShare on Tumblr