Erica Mou – “Bandiera sulla Luna” (A1 Entertainement, 2017).

C’era una volta l’ironia… e forse c’è ancora: la cantautrice metà pugliese metà romana, torna con il suo quinto album fatto di nostalgia e di voglia di crescita e con esercizi di stile (“allenamenti”) che le sono inusuali. Se in “Contro le onde” (2013) e “Tienimi il posto” (2015) il suo canto neo-realista aveva destato più di un’attenzione agli occhi degli sperimentatori di ogni genere (acustica consegnata al pop e smaterializzata da esso), in “Bandiera sulla Luna” mossa da una forza invisibile ma vigorosa, la meteora compie il suo moto al contrario: pianoforte e chitarre ritrovano “la voce”, e anche vivere cosi down-tempo non sembra più essere una colpa. 13 le Erica Mou diverse raccontate in 30 minuti di tagli e cuci (art-rock) e manierismi schizofrenici della vita di ogni giorno: gli amici, l’amore… i cioccolatini e le frasi scritte di nascoste (anche da sé stesse). Introdotto da una cover di “Azzurro” di Adriano Celentano, il disco è balzato subito all’attenzione per il divertissement casalingo di “Svuoto i Cassetti”; sono canzoni posate, a volte un po’ spaesate, irrequiete, che alla lunga la dicono… “lunga” su un’artista che si rinnova (di album in album) e di canzone in canzone: canzoni galeotte, canzoni stonate e poi ritrovate, canzoni per gli altri e per sé stessi: mezze canzoni o forse solo canzonette, Erica non sbaglia un colpo con la sua voce cristallina e una dolcezza incomparabili. “L’unica cosa che non so dire” è di certo la migliore delle chiusure in musica del 2017.

https://www.youtube.com/watch?v=JC66iLLQakY

https://www.youtube.com/watch?v=06WZ6QI1_M8

Erica Mou – “Bandiera sulla Luna” (A1 Entertainement, 2017).ultima modifica: 2018-01-30T06:58:12+01:00da clfanzine

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).