Ian Brown – “Ripples” (Virgin Records, 2019).

ian-brown-ripples-solo-album-comeback-e1540550382602

Composto da 8 tracce inedite più due cover reggaton di artisti giamaicani, (“Black Roses” (Barrington Levy) e “Break Down The Walls” (Mikey Dread)), mi trovo a raccontare tutto ma proprio tutto il grande feeling che questo disco del madcester per eccellenza degli The Stone Roses (giunto all’ottavo lavoro da solista) regala a quell’ascoltatore che non vuole allontanarsi tanto dal concetto topico dell’oltre e del caos della babilonica produzione brit-pop di colui che negli anni 80 e 90 ne è stato il padre fondatore. E allora spazio a rose rosse e rose nere, ad arance divise, a sogni e a grandi progetti (che “appartengono unicamente ai sognatori“) ancorassieme alle tastiere hammond e alle progressioni psych di “Breathe And Breathe Easy (The Everness Of Now)”  e al battere-in-levare di “Blue Sky Day”. Jam session prolungate, riflessioni ad alta voce e missaggi sconcertanti a condire con salsa piccante i 42 minuti complessivi di un album molto ruffiano. D’altronde King Monkey è tornato: capelli bianchi e fa tutto quello che vuole!

Ian Brown – “Ripples” (Virgin Records, 2019).ultima modifica: 2020-02-29T14:58:14+01:00da clfanzine

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).