Antonio Castrignanò – “Mara La Fatìa” (Felmay Records, 2015).

antoniocastrignano

Storie di pizziche, tarante e tarantelle. “Mara la fatìa” è la metafora del lavoro, in tutte le sue accezioni, compreso il processo creativo: “per me l’arte è artigianato, non solo istinto. Un’opera ha bisogno di un lavorìo costante fino a quando non raggiunge la sua dimensione”, e naturalmente questo comporta una “fatìa” che è “mara”, un sacrificio. Il tempo poi definisce le cose e salva solo ciò che serve, che merita di essere trasmesso: “a distanza di cinque anni”, racconta l’autore, “mi sorprende che alcuni brani originali si siano incastonati nel repertorio tradizionale salentino, tanto che i non addetti ai lavori fanno fatica a riconoscere i pezzi scritti da me scambiandoli per brani popolari”.

Antonio Castrignanò – “Mara La Fatìa” (Felmay Records, 2015).ultima modifica: 2022-09-26T08:59:36+02:00da clfanzine