Tokyo Police Club – “Champ” (Memphis Industries Ltd., 2010).

tpc

Compassati, stilosi e anche un po’ scazzati nel loro emulare il frastuono degli The Strokes, i Tokyo Police Club, canadesi di origine rockettara, riducono ad un ring il loro atelier di arti creative. Musica mid-tempo, belle canzoni da canticchiare e soprattutto tanto disordine (come si può notare dalla originalissima copertina) per un fizz bit d’effetto che catturasse l’attenzione dell’ascoltatore distratto. “Champ”: campionessa. Campionessa del gusto, del colore, degli stati emotivi. Ma da “Bambi” fino a “Frankenstein”, la visione, la conquista e la distruzione delle speranze di un povero illuso diventano un lavoro più coeso rispetto all’indie-pop di “Lesson in Crime” iniziale (Paper Bag Records, 2006); con un maggiore e più denso uso delle chitarre, ora,  anche i testi risultano maggiormente introspettivi e maturi. Un laboratorio di sketch comedy, davvero interessante.

Tokyo Police Club – “Champ” (Memphis Industries Ltd., 2010).ultima modifica: 2022-09-28T07:44:54+02:00da clfanzine