Aliante – “Strada Blu” (Aliante Records, 2022).

aliante

Moreno Naddeo e Nicola Fierro sono Salernitani e vivono nella periferia di una città che conta oggi più di 135.000 abitanti. Il loro progetto Explorer autoprodotto, cantato un po’ in italiano e un po’ in dialetto salernitano, è un Aliante art-rock modello Marlene Kuntz / Afterhours, di quegli italiani (del sud questa volta) che “uccidono” i quartieri più lontani dal centro con la loro musica, spesso plumbea, astratta e sofferta, ma mai rarefatta e/o stranamente elettronica, sebbene la copertina autoreferenziale sembri attestarne l’esatto contrario. Motivo del disagio urbano, testimoniato in copertina dalla resilienza dell’elefante africano in marcia tra i grattacieli del lungomare di Marianella, è la strada blu del disincanto, dei rapporti interpersonali di rivalsa ma anche della speranza verso luoghi lontani, inesplorati. Cantautorato eccellente e musica mai banale, l’originalità degli Aliante si attesta principalmente con il vero, autentico personaggio del loro unico progetto musicale: il mare, a volte “nero” come indice presagio di malessere, a volte “chiaro” (come nella traccia conclusiva) come complice e custode di segreti e comunque autentica catarsi metafisica. Vagamente prog alla Mogwai (insicuro e pauroso quanto basta), stupisce per i paesaggi sonori, il degrado della banlieu grigio-verde salernitana ma anche per l’aggressività con cui morde famelicamente i bpm dell’evoluzione e del concetto di attraversamento della vita, verso distanze migliori. Salerno nel cuore, diventa tradizione per un duo che farà della dimensione live il loro luogo di conquista. Certamente.

Aliante – “Strada Blu” (Aliante Records, 2022).ultima modifica: 2022-11-28T10:11:59+01:00da clfanzine