Alfonso Signorini malattia, il racconto del dramma e lacrime in diretta a CR4

Share on Tumblr

kika4099935_Alfonso-Signorini

Alfonso Signorini malattia, si commuove a CR4

Presenza fissa del nuovo programma di Piero Chiambretti, CR4 – La repubblica delle donne, Alfonso Signorini nell’ultima puntata ha trovato la forza di guardarsi indietro e tornare con la memoria a 7 anni fa quando scoprì di essere affetto da una malattia che gli avrebbe cambiato la vita.

Il direttore di Chi e opinionista ha dapprima ripercorso con Melissa Satta e Elena Santarelli i bei momenti vissuti nelle due stagioni di Kalispera (2010-2011), poi ha raccontato con gli occhi lucidi di come ha vinto la sua battaglia contro la leucemia dopo essersi sottoposto a pesantissimi cicli di chemio.

Qualche tempo in una intervista a La Verità ripresa poi da Il Corriere della Sera, il giornalista ha fatto luce sugli attimi prima che i medici gli comunicarono la diagnosi e sui sintomi che lo costrinsero a correre al pronto soccorso.

Alfonso Signorini malattia, come scoprì la leucemia

“Il 23 dicembre ero in diretta a Kalispera. C’erano ospiti Christian De Sica e Sabrina Ferilli e non smettevo di sudare. A mezzanotte avevo 40 di febbre – ha fatto sapere a La Verità –

Terminai la serata e andai al pronto soccorso del San Raffaele. Mi fecero gli esami, mi diedero un antipiretico e mi mandarono a casa. La mattina dopo, vigilia di Natale, mi chiamarono:

Lei ha una leucemia mieloide, non si muova, ci vediamo il 27 per iniziare le cure”.

Da quel momento, il conduttore e scrittore 54enne prende decisamente la vita con un altro spirito e atteggiamento: “Mi ha fatto scoprire il vero valore delle cose” ha dichiarato il direttore di Chi.

Alfonso Signorini malattia, il racconto del dramma e lacrime in diretta a CR4ultima modifica: 2018-12-06T15:48:05+01:00da denisamariutei97
Share on Tumblr

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.