IN ARRIVO 3 NUOVI LIBRI DI HARRY POTTER

Harry-Books

Bustle ha annunciato che, ad Ottobre, arriveranno tre nuovi libri di Harry Potter. Il 2 ottobre uscirà in libreria “Harry Potter: Creatures: A Paper Scene Book“, un nuovo libro che svelerà alcune curiosità sulle creature magiche più rare e svela anche i dettagli sul dietro le quinte dei film di Harry Potter.

 Il 23 ottobre uscirà invece “Harry Potter: A Pop-Up Guide to Hogwarts” di Matthew Reinhart, scrittore ed illustratore di libri in pop-up. Il libro è illustrato da Kevin M.Wilson. Al suo interno c’è un 3D di Hogwarts, che vi farà conoscere il magico mondo della scuola di magia, il campo di Quidditch, la Foresta Proibita, e altre locations di Harry Potter in versione tridimensionale.

 

Infine il 30 ottobre uscirà “Harry Potter: Imagining Hogwarts: A Beginner’s Guide to Moviemaking” di Bryan Michael Stoller, un libro che permette di creare un set personale del film dei propri sogni. Si potranno creare i costumi del film nonché poster, adesivi e tanto altro.

Un saluto, Mary

IL ROBOT MINNIE E I LIBRI

bambini e libri-2

I bambini imparano meglio se hanno un amico vicino. Questo è stato dimostrato, grazie al gruppo dell’università del Wisconsin di Madison guidato da Joseph Michaelis, con il robot Minnie: in due settimane in compagnia del robot e i bambini si sono appassionati ai libri e alla lettura.

Secondo i ricercatori l’apprendimento sociale, unito alla presenza di un compagno, è un modo utile per aiutare a sviluppare negli studenti competenze e interessi, perchè ne migliora la comprensione.

I bambini dovevano leggere ad alta voce al robot, che poteva così seguire i loro progressi nel libro e reagire alla storia. I ricercatori hanno già iniziato a provare una versione del robot per gli studi di scienze, sperando di fare prove più lunghe di due settimane.

(fonte: www.ansa.it)

Un saluto, Mary

RITROVATA, TRA I RIFIUTI, LA PRIMA EDIZIONE DE “IL GATTOPARDO”

191531692-1e88f39b-a578-4821-b4eb-9dbe0200ee72

Igor Artibani, giovane autore tv e sceneggiatore, stava raccogliendo un libro vicino a un bidone dell’immondizia di Cerveteri (Roma) quando ha trovato, per caso, la prima edizione italiana de Il Gattopardo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa, valore stimato 1000 euro.

L’uomo è rimasto incredulo quando ha aperto la copia e ha notato la dicitura ‘Prima edizione italiana: novembre 1958’. Artibani ha così pubblicato questa storia su Facebook, dove ha postato anche le foto dei libri gettati e di quello che ha raccolto, dicendo:

“è qualcuno che non ne capisce molto di libri. Anche il peggior collezionista sa che quella edizione è davvero rara e che di copie ne esistono pochissime. Probabilmente si tratta di un lascito di un genitore o di un nonno”.

(fonte: www.repubblica.it)

Un saluto, Mary

LE CITTA’ DOVE SI LEGGE DI PIU’

ebook

La classifica è stata stilata in base all’acquisto pro capite di libri ed ebook su Amazon.it durante l’ultimo anno (luglio 2017-luglio 2018):

  • 1) Milano
  • 2) Padova
  • 3) Torino
  • 4) Bologna
  • 5) Roma
  • 6) Verona
  • 7) Firenze
  • 8) Trento
  • 9) Bergamo
  • 10) Cagliari

Tra le posizioni più basse nella classifica ci sono Genova (posizione 27), Venezia(30), Napoli e Palermo, ferme come lo scorso anno al numero 38 e 39. Chiudono la graduatoria Forlì (46esimo posto), Bari (47esimo) e Reggio Calabria (48esimo).

(fonte: www.sololibri.net)

Un saluto, Mary

LEGGERE TI RENDE UN AMICO MIGLIORE

libri_per_ragazze

Non e’ vero che chi legge sia necessariamente una persona introversa. Infatti uno studio della professoressa Melanie Green dell’Università di Buffalo, incentrato su come l’esperienza di “perdersi” in una storia possa avere ripercussioni sulla nostra vita sociale, ha rivelato che l’abilità di un lettore di farsi trasportare da una storia dica molto sul modo di essere empatici nei confronti delle persone che ci circondano.

Leggere storie coinvolgenti aiuta a sviluppare i “comportamenti prosociali” ovvero tutti quei comportamenti che giovano alle persone intorno a noi, come il volontariato e la condivisione. Mentre si legge è come se si simulassero dei comportamenti sociali che poi vengono messi in pratica nella vita reale.

Inoltre leggere allunga la vita e riduce l’ansia!

Un saluto, Mary

LIBRI LASCIATI A META’

iliad-bookshop-650x320

Il sito Bustle.com ha stilato una classifica degli 8 libri che più frequentemente vengono abbandonati a metà lettura:

“Il seggio vacante” di J.K Rowling

Non ha riscosso un grande successo forse perché ambientato ai giorni nostri in un piccolo paesino in cui si devono tenere delle elezioni.

“Il Trono di Spade” di George R. R. Martin (qualsiasi libro)

Il libro è un grande intreccio di storie, personaggi e intrighi. Non sempre facile stare dietro alla narrazione di Martin.

“American Gods” di Neil Gaiman

La trama è lunga e strana ma considerato da molti un vero capolavoro.

“Storia di una ladra di libri” di Marcks Zusak

Tema centrale del libro è l’Olocausto  e viene narrato dalla morte stessa. Non è sicuramente una lettura per evadere.

“Outlander” di Diana Gabaldon

Un libro ricco di pathos, ambientato in diverse epoche.

“Infinite Jest” di David Foster Wallace

E’ noto per essere molto lungo e difficile da leggere.

“Cent’anni di solitudine” di Gabriel Garcìa Marquez

Con questo romanzo bellissimo che usa i toni della favola, Gabriel García Márquez ha saputo rifondare la realtà.

“Mangia, prega, ama” di Elizabeth Gilbert

Amato perchè è un racconto profondo e odiano perché pare sia solo una raccolta di lamentele di una donna che vuole cambiare vita.

Un saluto, Mary

“LA FAMIGLIA AUBREY”

4103TVgBV3L._SX316_BO1,204,203,200_AUTORE: Rebecca West

EDITORE: Fazi Editore

GENERE: Romanzo

PAGINE: 570

PREZZO EBOOK: 9,99 euro

PREZZO CARTACEO: 18,00 euro

SINOSSI:

Gli Aubrey sono una famiglia fuori dal comune, nella Londra di fine Ottocento. Nelle stanze della loro casa coloniale, fra un dialogo impegnato e una discussione accanita su un pentagramma, in sottofondo riecheggiano continuamente le note di un pianoforte; prima dell’ora del tè accanto al fuoco si fanno le scale e gli arpeggi, e a tavola non si legge, a meno che non sia un pezzo di papà appena pubblicato. Le preoccupazioni finanziarie sono all’ordine del giorno e a scuola i bambini sono sempre i più trasandati; d’altronde, anche la madre Clare, talentuosa pianista, non è mai ordinata e ben vestita come le altre mamme, e il padre Piers, quando non sta scrivendo in maniera febbrile nel suo studio, è impegnato a giocarsi il mobilio all’insaputa di tutti. Eppure, in quelle stanze aleggia un grande spirito, una strana allegria, l’umorismo costante di una famiglia unita, di persone capaci di trasformare il lavaggio dei capelli in un rito festoso e di trascorrere «un Natale particolarmente splendido, anche se noi eravamo particolarmente poveri». È una casa quasi tutta di donne, quella degli Aubrey: la figlia maggiore, Cordelia, tragicamente priva di talento quanto colma di velleità, le due gemelle Mary e Rose, due piccoli prodigi del piano, dotate di uno sguardo sagace più maturo della loro età, e il più giovane, Richard Quin, unico maschio coccolatissimo, che ancora non si sa «quale strumento sarà». E poi c’è l’amatissima cugina Rosamund, che in casa Aubrey trova rifugio. Tra musica, politica, sogni realizzati e sogni infranti, in questo primo volume della trilogia degli Aubrey, nell’arco di un decennio ognuno dei figli inizierà a intraprendere la propria strada, e così faranno, a modo loro, anche i genitori. Personaggi indimenticabili, un senso dell’umorismo pungente e un impareggiabile talento per la narrazione rendono La famiglia Aubrey un grande capolavoro da riscoprire.

RECENSIONE:

“La famiglia Aubrey” è il primo libro di una trilogia che fa parte di una saga familiare. L’autrice è stata così impeccabile nella descrizione dei suoi personaggi che una volta finito il libro mi è sembrato di conoscerli tutti. Un grande lavoro dell’autrice è stato fatto per quanto riguarda la ricostruzione dell’abbigliamento del tempo fino alle vicende sociali e familiari.

un saluto, Mary

“DUE SIRENE IN UN BICCHIERE”

61xUa8t9KnL._SX317_BO1,204,203,200_AUTORE: Federica Brunini

EDITORE: Feltrinelli

GENERE: Romanzo

PAGINE: 221

PREZZO EBOOK: 9,99 euro

PREZZO CARTACEO: 15,00 euro

SINOSSI:

Al b&b delle Sirene Stanche – quattro stanze su un’isola del Mediterraneo nascoste dietro a un portone turchese, una cucina sempre in movimento e una grande terrazza sul mare – non si arriva per caso. Non è in nessuna guida turistica né lo si prenota online o con un’agenzia di viaggio: bisogna scrivere una lettera e motivare la propria richiesta, e poi attendere che una busta azzurra con il simbolo di una sirena giunga a confermare il soggiorno. Lo sanno bene Eva, Jonas, Olivia, Lisa e Lara, i cinque nuovi ospiti che approdano sull’isola per una vacanza detox che promette di rimettere in forma corpo e anima, e di aiutarli a trovare le risposte che cercano. Ad accoglierli ci sono Dana, trent’anni e la voglia di migliorare la vita di tutti con un po’ di yoga, meditazione e i suoi celeberrimi centrifugati bio, e Tamara, pittrice di mezza età che ama il mare, il silenzio e la solitudine del suo atelier. Insieme gestiscono la locanda offrendo sessioni di yogaterapia, arte, cucina, chiacchiere e tanto relax, lontano da cellulari e tecnologia. Ma cosa succede quando il passato irrompe scardinando il presente? Da cosa e da chi si nasconde Tamara, tanto da non lasciare mai l’isola? E chi sono Eva, Jonas, Olivia, Lisa e Lara? Sono davvero chi dichiarano di essere o mentono, prima di tutto a se stessi? Tra giornate di sole, avventure e una nottata drammatica che tiene tutti con il fiato sospeso, gli ospiti del b&b trasformeranno la loro vacanza in una tregua necessaria in cui riscoprire chi sono e chi vogliono diventare, perché «quello che succede è l’unica cosa che sarebbe potuta accadere» e «il momento in cui qualcosa avviene è sempre quello giusto».

RECENSIONE:

Ho adorato questo romanzo: leggero è vero ma molto adatto per una piacevole pomeriggio di lettura. La cosa che più ho amato di questo romanzo è il fatto di aver “conosciuto” non una storia ma un intreccio di  vite. Si viaggerà un pò nel passato per conoscere fatti accaduti e personaggi per poi ritornare al presente e ricongiungere pezzi mancanti alla vite di queste persone.

Un saluto, Mary

“SE TU LO VUOI”

51pT-2GNomL._SX324_BO1,204,203,200_AUTORE: Valeria Fioretta

EDITORE: Piemme

GENERE: Romanzo

PAGINE: 297

PREZZO EBOOK: 9,99 euro

PREZZO CARTACEO: 17,90 euro

SINOSSI:

Margherita ha un ottimo lavoro, una folta schiera di amiche e un fidanzato con tutte le carte in regola per diventare Quello Giusto. Almeno fino al giorno in cui Quello Apparentemente Giusto la lascia senza una spiegazione, dopo sei mesi di amore folle (almeno da parte di lei), dopo averla costretta a sorbire centrifughe e tisane di ogni tipo, a rinunciare al cioccolato e ad annullare la parte più divertente di se stessa per cercare di conquistarlo ogni giorno. Sola e disperata, Margherita decide di trascorrere agosto a Torino per la prima volta da sempre. Ed è assolutamente per caso che si imbatte nella pubblicità di una onlus che aiuta i genitori costretti a lavorare d’estate a trovare compagnia gratuita per i propri figli. Così conosce Elisabetta, nove anni, intelligente, timidissima e un po’ troppo abituata alla solitudine, che con le sue battute sagaci e l’innocenza che hanno solo i bambini le mostra il suo dolore sotto una luce totalmente nuova. In un’estate torinese che non avrebbe mai pensato di vivere e di potersi godere, tra picnic sul lungo Po, lezioni di frisbee, gelati al limone e libri che possono curare le ferite, Margherita ed Elisabetta costruiranno un legame molto più speciale di quanto potessero sospettare e, forse, riusciranno anche a scovare Quello Giusto Davvero per Margherita.
RECENSIONE:
“Se tu lo vuoi”, è una storia semplice ma molto reale: sia l’autrice che questo romanzo sono state delle piacevolissime scoperte (Valeria Fioretta ho scoperto avere un bellissimo blog, “Il Gynepraio”). Il libro è scorrevole, la scrittura è ironica e pungente e in alcuni passi è facile immedesimarsi. Anche noi abbiamo avuto a che fare o avremo a che fare con storie d’amore che iniziano o finiscono perchè siamo tutti (o quasi) alla ricerca di quello giusto\a.
Un saluto, Mary