Vietato…a chi???

Da oggi si potrà fare tutto e di più, in barba alle leggi italiane. Se vieni fermato da un agente dell’ordine, ignoralo e prosegui per la tua strada senza voltarti dietro. Questo lo si può fare, se  si è  fortunati ad essere nati in una nazione ricca, laureati e bianchi. Già a proposito di razzismo. Siccome il colore della pelle è  “bianca” puoi violare le leggi tranquillamente, sopratutto se risiedi in altra nazione, diversa da quella  di appartenenza.

Una missione che si impone una giovane di 31 anni, capitano di Sea Watch,  una nave ONG con bandiera olandese e equipaggio tedesco, che in barba alle leggi italiane decide  dove, quando e perché  sfidare  il governo italiano con la presunzione di essere nel giusto e che nessuno può fermarla. Nonostante il divieto di ingresso nelle acque  italiane e l’invito delle motovedette  della Guardia di  Finanza e della Capitaneria di Porto a non procedere ulteriormente, questa, imperterrita, prosegue nel suo intento di arrivare nel porto italiano di Lampedusa. Non so come andrà a finire, certo è che se l’avessi fatto io non ci sarebbero i paladini dell’immigrazione clandestina del PD a sostenermi.

Sarei in galera per direttissima.

Mastro

Vietato…a chi???ultima modifica: 2019-06-27T19:54:56+02:00da mastro.zero
  1. In realtà è andata a finire che è stata arrestata dalla Guardia di Finanza, nonostante le opposte fazioni presenti stamattina presto sul molo di Lampedusa. Tra 85 minuti circa comincia l’interrogatorio, per direttissima, come era logico che fosse già 2 giorni fa (data del post). Poi, sugli esiti del processo non credo che tocchi all’opinione pubblica commentarli più di tanto, in quanto le sentenze si applicano, e basta.

  2. C’è qualcosa di sbagliato in questo spietato razzismo. La natura non ci ha mai divisi: sotto lo stesso cielo, sotto lo stesso firmamento, sotto lo stesso sole, e sotto la stessa luna. Tutti uguali e miseri; nasciamo nudi da un utero materno. Siamo uguali in tutto e per tutto; eppure alcuni uomini si sentono superiori. Quello che fa la differenza è solo un eccesso di superiorità. In quanto alle leggi, quando mai lo stato Italiano si è preoccupato di violarle? C’è molta altra gente che ha commesso crimini veri e sta a spasso per permettermi di condannare questa giovane donna che ha messo al primo posto l’uomo. Su quella nave avrei potuto esserci io. Buongiorno un caro abbraccio.

    • Quello che non scagionerebbe la comandante della Sea è che ha voluto sfidare una stato sovrano, rischiando anche il disastro con i finanzieri a bordo della motovedetta e questo non è accettabile…per il resto è solo politica.

  3. L’opinione pubblica è divisa su questa vicenda. Io stessa sono molto combattuta tra l’ammirazione per il coraggio mostrato da Carola e le leggi internazionali che dicono che ha sbagliato. Umanamente e istintivamente sarei per l’accoglienza, ma è anche vero che l’immigrazione com’era fino a prima dell’attuale governo aveva assunto delle proporzioni insostenibili. Senza contare la totale indifferenza del resto dell’Europa. Solo perchè siamo il paese europeo col mare più accessibile non significa che abbiamo obbligo, morale e geografico, di accogliere chiunque arrivi sulle nostre coste. Riconosco comunque che non è facile schierarsi.

  4. Per come la vedo io possiamo pure aiutare e ospitare gli extraterrestri, però qualcuno dovrebbe spiegarmi perché gli italiani in seria difficoltà per mancanza di lavoro, magari da anni, non fanno impietosire nessuno; la legge è uguale per tutti? Bene, ma che lo sia a partire dai nostri connazionali. E per favore basta con questo buonismo/pietismo, con l’invocare ogni due per tre la fratellanza e la pietà cristiana…i signori del pd possono benissimo farsi carico di un migrante a testa e ospitarlo nelle proprie dimore. Amen

    • Nessuno scontro. Siamo fra persone civili.
      Ognuno ha il diritto i pensarla come preferisce, ma innanzi ad una violazione delle leggi italiane, giuste o meno che siano, dovremmo essere tutti compatti e sentirci italiani. Poi tutto è possibile.

Lascia un commento