Animali, pseudoanimalisti, gattari e canari.

Quante volte vi sarà capitato di   vedere persone adoperarsi  ad aver cura di animali che vivono liberi,  vicino alle abitazione degli uomini?

Noterete  il loro prodigarsi,  la dolcezza e l’interesse  per il gatto, cane od altro essere. Sono persone nobili d’animo,  rispettano gli animali: Giusto.    Hanno un solo difetto che pretendono di fare in pratica un rifugio proprio innanzi all’abitato  dove i proprietari, purtroppo,  devono subire la voglia,   di costoro di  “curare” dei loro protetti. Guai a contestarli.  Vi appelleranno nei modi peggiori conosciuti.  Raramente questi personaggi  tengono in conto  le altrui esigenze. Se ne fregano altamente!!! Non accettano che gli  si faccia notare che  l’igiene è pessima. Anche perché oltre ai loro “amici” arrivano   gabbiani, colombi, topi, formiche, limacce, mosche, scarafaggi, pidocchi, zecche  ed ogni genere di insetto,  a  banchettare tutti nello stesso piatto. Quello posto  davanti a casa tua!

Vi sembra giusto che, per la passione di un singolo, la comunità debba subirne le conseguenze??!?!?

Loro sono nel giusto, chi subisce ha sempre torto.

Or dico:  Volete avere cura di animali che voi ritenete bisognosi?  …andate ad abitare in campagna e create tutti i ricoveri che volete, ma non r… ete  a chi non è d’accordo con voi!

Personalmente non sono contrario all’assistenza di  animali,   ma  permettete che se non ho animali in casa un motivo ci sarà?  Sono allergico, ho paura, non ho spazio a sufficienza, non ho tempo da dedicare…o forse semplicemente, non voglio animali in casa.

Avrò il diritto di scegliere  o devo subire?

Mastro