Quiete

Giornate, queste ultime, passate in tranquillità senza scossoni o distrazioni, serenamente, vagliando i pro e i contro di una qualsiasi situazione che mi si presenti.

Ogni tanto mi immergo  nei ricordi cercando di ordinarli, riesco a farlo e non subentra  la malinconia per quei giorni trascorsi,  carichi di avventura e spregiudicatezza.

Parafrasando una mia amica vivo serenamente la mia solitudine, senza patemi o tribrolazioni di sorta.

Scrivere i miei pensieri,  che  a volte ritengo sia inutile, stupido, è  mettere in calce pensieri vaghi, che non hanno riferimenti specifici.  Non vi è desiderio di essere giudicato da chiunque passi per averne la comprensione o la solidarietà.

E’ uno spazio privato e allo stesso tempo pubblico a cui mi rivolgo di tanto in tanto per scaricare l’accumulo di frasi che nella mia testa circolano,  mi fa sentire leggero dopo averlo fatto.