Semplicità, volano della celebrità.

Tutti noi siamo liberi di fare dire ciò che vogliamo e come raccontarlo. Ognuno sceglie di essere quello che vuole senza che venga giudicato per questo. Quello che non capisco  è perché i cosi detti ” intellettuali” debbano esprimersi con pensieri o frasi  dette  da altri.  In verità lo  capisco ma evito di pronunciarmi.

Ogni categoria, quando non vuole farsi capire, comincia a dialogare fra i suoi componenti  con termini tecnici propri della professione di  appartenenza.  Espressioni proprie, della loro cultura e non  citazioni di altri, spesso emeriti sconosciuti ai più.

Domanda: Riesce difficile a chi  crede di  conoscere   tutto  di tutti  riuscire ad esprimere un  concetto personale  con parole proprie?  Secondo me con questo  atteggiamento   dimostrano di non essere capaci di esternare il loro pensiero ovvero sono schiavi della loro stessa “conoscenza”.

Uomini e  Donne  celebri hanno avuto nella semplicità del  linguaggio  un punto di forza.  Chi è fortunato ad  incontrare un personaggio di questo calibro,  resta  impressionato   positivamente per   l’ umiltà, l’onestà   e la chiarezza  dei  concetti espressi.

Questi sono uomini e donne che hanno fatto la storia. Sono la testa …il resto è solo  scia (Coda).

Mastro