Sanremo ha omaggiato Frizzi: ma ecco come fu maltrattato dalla Rai

Anche il Festival di Sanremo ha voluto dare il proprio saluto a Fabrizio Frizzi. Come noto, stroncato il 26 marzo da un’emorragia celebrale alle 4 di mattina. Fabrizio Frizzi aveva un tumore al cervello, di cui l’ischemia dello scorso ottobre era stata solo una terribile avvisaglia. Ma aveva ancora tanta voglia di combattere, per la giovane moglie Carlotta e la figlioletta di soli 5 anni.

Fabrizio Frizzi ci ha lasciati a 60 anni, che nessuno gli avrebbe dato. Nei giorni successivi alla dipartita, c’è stata una pioggia inarrestabile le dediche a mezzo Social. Perché Fabrizio Frizzi era uno che non si poteva odiare. Sincero, umile, professionale. Faceva tanta beneficenza senza mai ostentarlo. Anzi. Gli amici gli rimproveravano il fatto che esagerasse pure. Frizzi lascia un vuoto difficile da colmare in una Tv sempre più volgare, urlata, costruita. Lui era sincero, trasparente, pulito.

E il pubblico lo sapeva, basta guardare le immagini delle 10mila persone accorse al suo capezzale per un ultimo saluto. Così come i tanti colleghi che gli hanno dedicato un ricordo, anche quanti lavoravano a Mediaset e gli facevano pure la concorrenza. Come Paolo Bonolis e Jerry Scotti. Un avversario troppo leale, al quale era impossibile commettergli una scorrettezza.

La Rai ha sospeso molti programmi nella giornata di lunedì e per tre giorni gli ha dedicato ampio spazio. Anche la D’Urso lo ha fatto, malgrado fosse di Canale 5. Per un periodo la Mediaset lo ha anche corteggiato, ma lui è rimasto sempre fedele alla Rai.

Quella Rai che oggi lo omaggia, ma che da vivo non ha mancato di umiliarlo ed emarginarlo.

CONTINUA A LEGGERE

Sanremo ha omaggiato Frizzi: ma ecco come fu maltrattato dalla Raiultima modifica: 2019-02-10T18:22:39+01:00da LucaScialo

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).